TRASPORTI. Cernobbio, Moretti lancia una nuova sfida per le ferrovie italiane

L’Amministratore delegato del gruppo FS, Mauro Moretti, intervenendo al workshop Ambrosetti di Cernobbio ha ipotizzato un nuovo scenario per le ferrovie italiane. "Vogliamo sapere se anche l’Italia vuole avere una grande impresa che intende competere nell’Alta Velocità, oppure no. Per farlo, le FS si devono internazionalizzare, o sono condannate" continua Moretti sostenendo la necessità per il gruppo di aprirsi oltre i confini nazionali.

Parlando di numeri, l’ingegner Moretti ha poi evidenziato come da dicembre si potrà andare da Milano a Roma in 3 ore e 45 minuti, con un treno ogni quarto d’ora. E come, sempre con il lancio dell’Alta velocità "la quota di mercato delle Ferrovie dello Stato, attestata attualmente al 10 -12 %, salirà al 60 e anche oltre, nel giro di un anno e mezzo, due anni". "Il che – ha spiegato l’ad del Gruppo Ferrovie dello Stato – significa passare dal milione di passeggeri attuale, a cinque milioni, strappandoli al trasporto aereo". Moretti ha ricordato, a questo proposito, che in Francia, sulla Parigi-Lione, con l’introduzione dei treni veloci l’aereo è crollato dal 21 al 7% e in Spagna, sulla Madrid – Siviglia, dal 39 al 12%. Con conseguenti crescite del trasporto ferroviario, che nei due Paesi è passato, rispettivamente, dal 47 al 74% e dal 19 al 53%.

Affrontando la questione del bilancio, Moretti ha anticipato che "i conti 2008 si chiuderanno vicino al pareggio", mentre sul piano strategico ha prefigurato lo scorporo della divisione Alta Velocità da Trenitalia per trasformarla in un spa a parte, sul modello del Tgv francese.

Comments are closed.