TRASPORTI. Codacons: Trenitalia condannata a risarcire passeggero che ha viaggiato al freddo

Trenitalia è stata condannata a risarcire un passeggero che ha viaggiato al freddo senza poter cambiare carrozza perché le porte intercomunicanti erano bloccate. Il Giudice di pace di Roma ha infatti condannato l’azienda a risarcire con 1650 euro – 350 di risarcimento e 1300 di spese legali – un passeggero che, il 18 marzo 2006, ha viaggiato su una carrozza fredda e senza riscaldamento. È quanto ha reso noto il Codacons.

La vicenda: il 18 marzo 2006 il passeggero romano ha preso l’Intercity Plus delle 8.27 diretto a Latina, ma appena iniziato il viaggio nella carrozza dove aveva il posto assegnato, si è accorto che i riscaldamenti erano fuori uso e ha cercato di passare in un’altra carrozza. Ma le porte intercomunicanti erano bloccate. E non è stato possibile neanche reperire il personale in servizio sul treno.

Il passeggero si è allora rivolto al Codacons chiedendo assistenza legale e ha avviato una causa di risarcimento dinanzi al Giudice di Pace di Roma. Scrive il Giudice: "Probabilmente, dando per certo l’avvenuto intervento immediato di riparazione e di manutenzione richiesto alla stazione operativa di Roma e da questa assicurato, il personale responsabile del servizio non ne ha poi verificato l’esito durante la corsa del 18.3.2006, di fatto per inefficienza, disorganizzazione e negligenza, non ispezionando la condizione delle carrozze e nella specie la n.10".

Trenitalia è stata dunque condannata al risarcimento di 1650 euro complessivi.

Comments are closed.