TRASPORTI. Consiglio europeo approva la direttiva che taglia le emissioni del trasporto aereo

Il Consiglio europeo ha adottato oggi la direttiva sull’aviazione che include il sistema europeo per la riduzione delle emissioni di Co2 del traffico aereo. L’obiettivo principale della nuova legge, che entrerà in vigore a gennaio 2012, è quello di limitare l’impatto dell’aviazione sul cambiamento climatico, dando un rapido impulso di crescita al settore.

Le compagnie aeree europee che volano da e verso l’Unione europea saranno, quindi, obbligate a ridurre le loro emissioni del 97% rispetto al valore di riferimento, calcolato sulla media del periodo 2004-2006. Nel 2013 scatterà la seconda fase con un’ulteriore riduzione del 2%. Le emissioni, che vengono assegnate tramite un sistema di aste, saranno concesse gratuitamente per l’85%; il restante 15% dovrà essere acquistato all’ETS (Emission Trading Scheme). Il denaro che se ne ricava dovrà essere investito in tecnologie verdi.

I vettori che non rispetteranno i limiti di emissione potranno essere privati, su richiesta di uno Stato membro, della licenza di volo. La direttiva esclude i voli di ricerca, quelli umanitari, di soccorso e delle forze dell’ordine, e quelli di vettori con livelli di traffico molto bassi, ma non i voli di Stato.

Comments are closed.