TRASPORTI. Disagi su Frecciargento Roma-Venezia, MC: “Risarcimento o class action”

"Almeno 1000 euro di risarcimento per ogni viaggiatore, oltre al rimborso del biglietto, altrimenti sarà promossa una class action contro Trenitalia per i gravissimi danni subìti da chi ha dovuto attendere al gelo e in galleria oltre quattro ore senza assistenza e senza informazioni precise". Questa la richiesta del Movimento Consumatori in merito al guasto che ha provocato il fermo del frecciargento Roma-Venezia.

Monica Multari, responsabile settore trasporti ferroviari di MC, ricorda che l’associazione ha promosso un’azione inibitoria contro Trenitalia avanti al Tribunale di Roma proprio per far dichiarare la vessatorietà delle condizioni di trasporto che prevedono risarcimenti ridicoli, a fronte dei danni che quotidianamente subiscono i viaggiatori, soprattutto pendolari.

Il Movimento Consumatori invita i parlamentari coinvolti ad attivarsi fattivamente, attraverso l’utilizzo dei provvedimenti "Taglialeggi" appena discussi in Consiglio dei Ministri, per eliminare, una volta per tutte, questi privilegi anacronistici e incostituzionali contenuti nel R.D.L. 1948 del 1934 che sembrerebbero riconoscere tuttora a Trenitalia S.p.A. speciali limitazioni di responsabilità e che la società di trasporti invoca per sottrarsi a qualsiasi serio risarcimento dei viaggiatori danneggiati. Il presidente del Movimento Consumatori, Lorenzo Miozzi "invita il ministro dei Trasporti a non avallare, nel contratto di servizio, le scelte di Trenitalia che ha dimezzato, da circa un anno, arbitrariamente e illegittimamente la misura degli indennizzi riconosciuti in caso di ritardo".

Comments are closed.