TRASPORTI. Domani protesta contro il divieto di sorpasso dei Tir sull’Autostrada del Brennero

Domani traffico a rischio sull’Autostrada del Brennero. Scendono infatti in campo gli autotrasportatori, per protestare contro il divieto di sorpasso per i Tir lungo i 480 Km del percorso che collega Modena a Rosenheim. Il nuovo provvedimento è in vigore dal 15 giugno scorso. I manifestanti metteranno in atto la loro battaglia, pagando solo in contanti i pedaggi in uscita dai caselli dell’A22, così da rendere più lente le operazioni. Inoltre, i camionisti in transito sull’A22 usciranno ai caselli di Verona Nord e Trento Centro per rientrare subito dopo.

"Domani – spiega Francesco Del Boca, Presidente di Confartigianato Trasporti – manifesteremo le nostre ragioni contro un divieto assurdo che penalizza ancora una volta gli autotrasportatori. Non è impedendo il sorpasso ai mezzi pesanti che si garantisce la sicurezza stradale. Al contrario, costringere un autotrasportatore a viaggiare per 480 Km alla medesima velocità può far perdere la concentrazione e causare tamponamenti ed incidenti come quello gravissimo avvenuto il 19 giugno proprio sull’Autostrada del Brennero".

"Il divieto è tanto più assurdo – aggiunge Del Boca – se si considera che sull’AutoBrennero le aree di sosta sono insufficienti, le corsie di emergenza troppo strette e le aree di servizio molto piccole. Perché, invece di questi divieti, non si investe davvero in sicurezza, rafforzando i controlli da parte delle forze dell’ordine per tutti gli utenti delle autostrade, e non si prevede la realizzazione di una terza corsia?". "Martedì 26 giugno – conclude Del Boca – si svolgerà presso il Ministero dei Trasporti un incontro tra le Organizzazioni degli autotrasportatori e i rappresentanti del Ministero, dell’Autostrada del Brennero e dell’Aiscat. Se non avremo risposte, saremo costretti ad organizzare altre iniziative di protesta su strade e autostrade del Paese".

Comments are closed.