TRASPORTI. Elezioni, tariffe scontate per chi viaggia in treno

Trenitalia conferma le agevolazioni tariffarie per chi si sposterà in treno per le elezioni regionali e amministrative del 28 e 29 marzo. Sono previsti infatti uno sconto del 60% sui biglietti di andata e ritorno per i treni Espressi e Regionali e riduzioni anche per gli elettori residenti all’estero. Ma come saranno articolate le tariffe?

Chi sceglierà il treno per raggiungere il proprio collegio elettorale ed andare a votare (anche per l’eventuale ballottaggio dell’11 e 12 aprile), potrà ottenere uno sconto del 60% sulla tariffa ordinaria dei biglietti di andata e ritorno, sia di 1° che di 2° classe, per i treni Espressi e Regionali. Per i treni Intercity, IC notte, Eurostar ed Eurostar Fast, Eurostar City, Alta Velocità ed Alta Velocità Fast e per il servizio cuccetta o vagone letto è invece necessario pagare la differenza tra la tariffa ordinaria scontata e quella del treno di categoria superiore scelto.

I biglietti sono nominativi e hanno un periodo di utilizzazione di 20 giorni: il viaggio di andata, informa Trenitalia, non potrà essere effettuato prima del 20 marzo, mentre quello di ritorno non potrà avvenire oltre l’8 aprile (per il turno di ballottaggio, invece, il viaggio di andata non può essere effettuato prima del 3 aprile e quello di ritorno oltre il 22 aprile). I ticket per i treni Regionali devono essere convalidati prima di iniziare sia il viaggio di andata sia quello di ritorno e, dal momento della convalida, hanno una validità oraria in funzione della percorrenza del viaggio.

I biglietti per i treni a media e lunga percorrenza invece, che comprendono anche l’assegnazione del posto, sono validi, nell’ambito del periodo di utilizzazione di venti giorni, solo per il giorno ed il treno prenotati e non devono essere convalidati.

Per avere le riduzioni, gli elettori devono esibire un documento di identità; per il viaggio di andata, la tessera elettorale o, per i soli residenti in Italia, l’autocertificazione, che però può essere accettata solo dagli addetti delle biglietterie FS e non può invece essere sottoscritta, né accettata dalle agenzie di viaggio; per il viaggio di ritorno, va esibito il timbro sulla tessera elettorale che dimostra la votazione.

Sconti sono previsti anche per gli elettori residenti all’estero che possono acquistare, dietro esibizione del documento elettorale, biglietti per viaggi di andata e ritorno a tariffa ridotta "Italian Elector /Electit" con una riduzione del 60%, sia in 1° che in 2° classe , sul percorso Trenitalia per viaggi con treni diretti internazionali da/per l’Italia. Questi biglietti sono validi esclusivamente per il treno e il giorno prenotati e non devono essere convalidati. Il viaggio di andata può essere effettuato al massimo un mese prima dell’apertura del seggio e quello di ritorno al massimo un mese dopo la chiusura del seggio.

Comments are closed.