TRASPORTI. Emilia Romagna, Legambiente: più attenzione ai pendolari

Legambiente sollecita la Regione Emilia Romagna affinchè i fondi destinati ai trasporti si spostino dal sovvenzionamento di progetti per autostrade, raccordi, tangenziali, Pedemontana, Trasversale di Pianura, che significano città ancor più congestionate e inquinate, o Alta Velocità, al miglioramento delle numerose lacune del nostro sistema ferroviario locale, soprattutto di quello gravitante attorno al nodo di Bologna.

"Ritardi, scarsa manutenzione e sicurezza, aumenti di prezzo dei biglietti -tra 1,1% e 5,5% con l’adeguamento alla tariffa obiettivo- stanno esasperando i cittadini, che manifesteranno a Bologna il 20 ottobre per dar voce alle proteste di pendolari, studenti e lavoratori, e semplici turisti, costantemente in ritardo e costretti a viaggiare spesso in piedi su treni vecchi e sporchi" sostiene l’Associazione che schierandosi al fianco dei cittadini, chiede un intervento urgente alle amministrazioni pubbliche con lo stop al taglio dei finanziamenti ai treni, definito con chiarezza a livello nazionale per le singole voci per il 2011, ma è previsto che continuerà per il 2012 e 2013, l’efficienza ed il potenziamento delle linee ferroviarie, il rinnovamento dei treni diesel, inquinanti, obsoleti e poco capienti, e l’integrazione con il trasporto pubblico su strada con sistemi di biglietteria integrata treni-bus.

Comments are closed.