TRASPORTI. Ferrovie, dalla Lombardia impegno per un Codice di tutela dei pendolari

Stilare un codice di tutela dei pendolari basato non solo sui diritti degli stessi ma anche sui doveri delle aziende. E’ l’impegno preso dalla Regione Lombardia nel corso degli incontri, finalizzati al miglioramento del servizio ferroviario, dell’ente con le aziende ferroviarie, i sindacati e i pendolari. Dalle riunioni è emersa anche la volontà di avviare incontri calendarizzati tra tutti i soggetti coinvolti, confronti tra aziende e pendolari sulle singole linee per risolvere i problemi di ogni direttrice e per la revisione del contratto di servizio, delle penali e dei bonus.

"Dagli incontri – ha affermato in una nota delle Regione l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo – è emerso che il prossimo inverno, per la rete ferroviaria lombarda, sarà ancora un periodo molto delicato, ma "affrontare insieme e per tempo i problemi ci aiuta a limitare le situazioni più critiche". A fronte di una flotta ancora in parte obsoleta e disomogenea e dei cantieri aperti su molte linee, che fanno rallentare i treni creando spesso situazioni di disagio, ma anche della mancanza di pulizia, puntualità e informazione, le aziende si sono impegnate a potenziare ulteriormente la manutenzione, presenziare le linee con personale più qualificato e con un numero superiore di mezzi di soccorso su quelle maggiormente trafficate e garantire una informazione più puntuale. Con le aziende è stato concordato un calendario di incontri mensili, da ottobre a marzo, per monitorare l’andamento del servizio".

Cattaneo ha inoltre fissato due ulteriori appuntamenti con i comitati dei pendolari, di cui uno entro la fine dell’anno. "Stiamo facendo notevoli sforzi – ha ricordato l’assessore – per quanto riguarda gli impegni finanziari volti a favorire il miglioramento del servizio". La Giunta regionale ha appena stanziato ulteriori 300 milioni di euro per l’acquisto di nuovi treni per il servizio ferroviario regionale.

Comments are closed.