TRASPORTI. Fiumicino, disagi bagagli. CODICI: non accettare rimborso forfettario

Valigie andate perse o consegnate in ritardo. Gli utenti dell’aeroporto di Fiumicino continuano a lamentare disfunzioni nel servizio di gestione bagagli. Sono ben 321 i consumatori che si sono rivolti al CODICI per segnalare le proprie traversie. E non si tratta solo di vacanziari, ma anche di lavoratori che, dallo smarrimento, conseguono fastidi spesso notevoli. L’associazione invita i cittadini a non accettare il rimborso forfettario offerto dall’azienda, dato che la normativa consente loro di provare il maggior danno subito.

Di tutte le persone rivoltesi in questi giorni a CODICI, circa 1/3 è costituito da cittadini in viaggio per lavoro. "E’ inammissibile che – dichiara il segretario Nazionale dell’associazione, Ivano Giacomelli – un aeroporto di grande livello come quello di Fiumicino si contraddistingua per la sussistenza di continue criticità. L’ultimo grave disagio risale alla metà di luglio, con la rottura dell’impianto di smistamento dei bagagli. Secondo quanto emerge dall’Associazione degli operatori di volo, il guasto ha causato una riduzione del 50 % delle funzionalità del sistema di accettazione, smistamento e riconsegna, coinvolgendo decine di migliaia di bagagli, un ritardo medio di 3/4 giorni nella riconsegna. Inoltre, ricordiamo che con l’entrata in vigore, nel mese di novembre, della nuova normativa che impedisce di portare nel bagaglio a mano più di 100 ml e code si allungano causando gravi disagi. Si parla di rallentamenti ai varchi di sicurezza, che nelle prime ore della giornata provocano una media di più di 20 minuti di attesa. Qualche difficoltà può crearsi anche ai check-in dei voli internazionali, dove gli addetti devono chiarire le nuove regole ai viaggiatori stranieri creando inevitabilmente disagi e tempipiù lunghi".

Per limitare il disagio al check in, "CODICI consiglia di presentarsi ai controlli in aeroporto con ampio anticipo e al fine di agevolare le procedure, i passeggeri dovranno: presentare agli addetti ai controlli di sicurezza il sacchetto con i liquidi trasportati a mano affinché possano essere esaminati; togliersi giacca e soprabito che verranno sottoposti separatamente ad ispezione; estrarre dal bagaglio a mano computer portatili e altri dispositivi elettrici ed elettronici per il controllo separato. Pertanto, CODICI invita i cittadini a continuare a rivolgersi all’associazione e a non accettare mai il rimborso forfetario offerto dall’azienda, ricordando che il consumatore può dare prova del maggior danno subito".

Comments are closed.