TRASPORTI. Foggia-Benevento, tagliati 6 treni regionali

In Italia, soprattutto al Sud, può succedere ancora oggi che da un giorno all’altro un treno che collega due città, sebbene siano due capoluoghi di provincia, non ci sia più. Le città in questione sono Foggia e Benevento: da ieri ben tre coppie di treni regionali che collegavano la Puglia con il Sannio sono stati soppressi. Colpa dei tagli della Finanziaria: la Regione Campania non ha abbastanza soldi per finanziare questi collegamenti e preferisce tagliarli. Tanto c’è l’Alta Velocità: attualmente ci sono due Frecce d’Argento, una alle 7 di mattina e l’altra il pomeriggio. Ma chi non può permetterselo perché viaggia tutti i giorni, per lavoro o per studio, cosa fa? E tutto il personale che fino a ieri ha lavorato su questi treni, tra ferrovieri e addetti alle pulizie, che fine farà?

Help Consumatori ha raggiunto Alessandro Scarpiello, Presidente dell’Adoc di Foggia che ha denunciato questa grave situazione. "Praticamente la cosa è arrivata tra capo e collo e per l’ennesima volta ha colpito il nostro territorio. A risentirne maggiormente sono i paesi del sud-appennino (ben 65 Comuni) che sono appena usciti da un enorme disagio provocato dalla frana di Montaguto ed ora si trovano di nuovo senza collegamenti. Sono stati messi un paio di autobus ma non si riesce a tamponare il grave disagio che la Regione Campania ha causato agli utenti".

"E la Regione Campania cosa ci ha risposto? Che non possiamo pretendere nulla perché loro hanno avuto tagli e la colpa è della Legge Finanziaria. Dall’altro lato – ha aggiunto Scarpiello – Trenitalia non si occupa del servizio regionale e risolve la cosa mettendo a disposizione degli autobus. Noi, insieme a Federconsumatori e Adiconsum, stiamo cercando di far arrivare questa cosa alle istituzioni, ai rappresentanti politici foggiani, per sollecitare con loro la Regione Campania a ripristinare almeno un paio di questi treni".

Comments are closed.