TRASPORTI. Lombardia, catene a bordo. Altroconsumo: normativa poco chiara

Secondo Altroconsumo l’ordinanza della Provincia di Milano con la quale si stabilisce che dal 15 novembre al 31 marzo bisognerà avere a bordo le catene da neve o si dovranno montare le gomme invernali (anche se non nevica) è poco chiara. "Oltre alla criticabile scelta dei tempi (si poteva comunicare forse un po’ prima), nel testo dell’ordinanza vengono utilizzati termini poco chiari" spiega l’Associazione che fa riferimento all’uso del termine generico "veicoli" (che paradossalmente comprende anche le biciclette e le slitte) al posto forse di "autoveicoli" ovvero auto e camion.

All’Associazione non sono sfuggite anche le imprecisioni quando si parla delle ipotetiche multe: "L’ordinanza lascerebbe intendere che la multa (da 78 a 311 euro) scatti soltanto se si viene beccati senza le catene a bordo, indipendentemente dal fatto che, quelle che si hanno, siano realmente montabili sulla propria vettura" .

"In linea di principio il provvedimento può essere comprensibile: bloccare persone in coda per ore per un veicolo che si è girato su di un cavalcavia non è accettabile. Ma anche far spendere in questo periodo decine di euro (almeno 50) anche a persone che usano la macchina pochissime volte al mese o per brevissimi tragitti, potrebbe far nascere un po’ di malumori. Avere nel bagagliaio catene non utilizzabili o non montare le gomme invernali (tanto basta avere dietro le catene) non va nella giusta direzione di consapevolezza e sicurezza: ogni automobilista fa dell’auto un uso personale e dovrebbe pertanto essere sensibilizzato alla scelta migliore, non al rispetto di un mero (e blando) obbligo" conclude Altroconsumo.

Comments are closed.