TRASPORTI. Lombardia, via libera del Cipe ad otto grandi opere

Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE), nella seduta di ieri presieduta, Silvio Berlusconi, ha approvato otto grandi opere della regione Lombardia. Si tratta del raddoppio della ferrovia Milano-Mortara, della linea Alta Velocità/Alta Capacità Milano-Genova con il terzo valico dei Giovi, della ristrutturazione della ferrovia Saronnno-Seregno, delle varianti di Cisano Bergamasco e Calusco d’Adda-Terno d’Isola fra Lecco e Bergamo, l’integrazione del piano finanziario della Pedemontana, del raccordo autostradale TI-BRE, della variante di Morbegno sulla SS 38 in Valtellina, e delle opere complementari esterne alla stazione Centrale di Milano.

"E’ un grande successo della Regione Lombardia ha commentato il presidente, Roberto Formigoni – un altro importante passo avanti nella realizzazione delle infrastrutture strategiche che la Regione ha fortemente voluto per lo sviluppo proprio e dell’intero Paese. La Regione, comunque – ha aggiunto Formigoni – proseguirà il suo pressing: sul CIPE, perché anche le ultime decisioni ne garantiscano l’effettiva realizzazione, e su alcune Istituzioni, tra cui la Provincia di Milano, dalle quali attendiamo ancora l’adesione alla formalizzazione dell’Accordo di Programma su Pedemontana, BreBeMi e Tangenziale Est Esterna di Milano, così da avere una sede di decisione politica e di convergenza del consenso e che sciolga i nodi operativi e ci consenta di procedere speditamente verso l’apertura dei cantieri".

Comments are closed.