TRASPORTI. Parentopoli a Roma, Codacons: nesso tra assunzioni clientelari e disservizi?

Il Codacons e l’ Associazione Utenti del trasporto Aereo, Marittimo e Ferroviario hanno depositato alla Procura della Repubblica di Roma, un atto in cui si chiede ai magistrati che indagano sulla vicenda "parentopoli", che ha coinvolto l’Atac, azienda romana del trasporto autoferrotranviario, di fare luce su un aspetto che interessa gli utenti: il nesso tra la qualità del trasporto pubblico capitolino, gli incidenti e i disservizi, e le assunzioni clientelari.

"Abbiamo già detto che le assunzioni di impiegati non basate sul merito, hanno ripercussioni negative dirette sul servizio reso all’utenza – spiega il Presidente del Codacons Carlo Rienzi – Vogliamo ora sapere nello specifico se alcuni gravi incidenti che hanno coinvolto negli ultimi anni tram, autobus e metro della capitale, così come i disservizi quotidiani nel trasporto pubblico, possano o meno essere riconducibili all’eventuale presenza all’interno dell’Atac di soggetti assunti in modo clientelare".

Le due associazioni hanno prodotto un dossier che elenca alcuni incidenti gravi nel settore del trasporto pubblico avvenuti a Roma negli ultimi anni. Tra questi si ricordano: conducente di autobus investe e uccide un uomo in via Isacco Newton. Risulterà positivo al test sulla cocaina (20.12.2008); scontro tra un bus e un’automobile in via Ostiense. Il conducente del mezzo pubblico positivo al test sulla cannabis (24.1.2010); scontro fra due treni della linea A della metropolitana alla stazione Vittorio Emanuele. 1 morto e quasi 200 feriti (17.10.2006); scontro a Porta Maggiore tra trenino della ferrovia Roma-Giardinetti e tram della linea 4; 26 feriti (15.1.2009).

Ed oltre agli incidenti ci sono i disservizi quotidiani che assillano il trasporto pubblico: ripetuti guasti tecnici alla linea metropolitana con conseguenti lunghe interruzioni del servizio, bus costantemente in ritardo, vetture sporche e sovraffollate, ecc. "Se saranno confermate le assunzioni clientelari – conclude Rienzi – la Procura dovrà accertare se queste abbiano avuto un qualche ruolo nella serie di incidenti di bus, tram e metro, e se i disservizi che costantemente si verificano nel trasporto pubblico capitolino possano essere riconducibili all’operato di soggetti assunti senza alcun merito e non sulla base delle loro reali capacità".

Comments are closed.