TRASPORTI. Pedaggi, Cittadinanzattiva: misura indiscriminata e ingiusta

"Con l’introduzione di nuovi pedaggi stradali e autostradali, il Governo adotta la solita tattica di colpire in modo indiscriminato e ingiusto i consumi quotidiani dei cittadini per fare cassa. In assenza di una seria politica di potenziamento del trasporto pubblico, la decisione ha tutta l’aria di essere il primo passo per una futura privatizzazione: infrastrutture costruite con soldi pubblici per ricavi destinati a privati". Così Antonio Gaudioso, vicesegretario generale di Cittdinanzattiva, si esprime in merito alla decisione di introdurre ennesimi balzelli sulle spalle dei cittadini.
Gaudioso si riferisce alla pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale di lunedì scorso, del bando di gara Anas per l’installazione dei video-pedaggi su una parte del Grande Raccordo Anulare di Roma, sulla Roma-Fiumicino, sui primi 100 km della Salerno-Reggio Calabria e su tutte le autostradesiciliane.

La decisione di Anas ha destato le perplessità di molti tanto che si è resa necessaria una precisazione de presidente, Pietro Ciucci: "Nessuna ”fuga in avanti” e nessun ”blitz” da parte dell’Anas. La decisione di aprire una gara per l’introduzione di un sistema di pedaggiamento senza barriere e’ ‘un atto dovuto per dare seguito a quanto previsto dalla legge” ha spiegato il Presidente cha ha aggiunto: ”Si confonde la sospensiva del Tar e del Consiglio di Stato del provvedimento che riguarda l’introduzione di pedaggi forfettari in una fase transitoria con l’introduzione di pedaggio a regime".

In ogni caso, per Cittadinanzattiva, i nuovi pedaggi rappresentano una misura ingiusta in quanto incidono profondamente sul diritto alla mobilità delle persone, come nel caso del Grande Raccordo Anulare di Roma, di fatto "strada cittadina" utilizzata ogni giorno da migliaia di lavoratori. Sono anche una misura iniqua, perché applicati in maniera indiscriminata anche in zone depresse economicamente, e senza garanzie sul rispetto di elevati standard di qualità del servizio.

Rasenta infine lo scandalo l’estensione del pedaggio alla Salerno-Reggio Calabria, l’autostrada perennemente incompleta che detiene tutti i primati negativi: pericolosità, ritardo nei lavori, inefficienza, illegalità.

A fronte di questa decisione, Cittadinanzattiva si dichiara pronta a tutelare in ogni sede gli interessi dei cittadini danneggiati.

Comments are closed.