TRASPORTI. Regolamento Ue diritti dei passeggeri ferroviari, le osservazioni dell’Antitrust

L’Antitrust ha formulato alcune osservazioni in merito allo schema di decreto legislativo che recepisce il Regolamento europeo 1371/2007 relativo ai diritti e obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario approvato il 16 giugno scorso dal Consiglio dei Ministri. Il regolamento in questione tutela e disciplina i diritti del passeggero in quanto parte debole del contratto di trasporto individuando i diritti fondamentali dei consumatori e una serie di specifiche responsabilità a carico delle imprese dei servizi di trasporto su rotaia e dei gestori delle infrastrutture. In particolare l’Autorità ha espresso il proprio parere sulla individuazione, da parte del CdM, dell’Organismo di controllo in capo al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. L’Antitrust ritiene, per contro, di essere l’organismo naturalmente deputato per struttura e attribuzioni già da tempo possedute. Innanzitutto,, rileva l’Autorità, le fattispecie previste dal Regolamento altro non sono che declinazioni settoriali di pratiche commerciali scorrette. Inoltre, l’Autorità è anche in grado di assicurare l’indipendenza dall’Esecutivo così come espressamente richiesto dall’Unione Europea.

Comments are closed.