TRASPORTI. Rogo sulla linea ferroviaria Brescia-Vicenza, Adiconsum e MC chiedono risarcimenti

"L’incendio sulla linea ferroviaria Brescia-Vicenza del 23 agosto è stato un duro colpo al pendolarismo veneto già pesantemente penalizzato da un servizio regionale spesso inefficiente ed inefficace". E’ quanto denunciano Adiconsum e Movimento consumatori Verona che chiedono un immediato incontro con Trenitalia e Ferrovie dello Stato, per proporre le modalità di risarcimento dei passeggeri e dei turisti, come avvenuto con Autostrade e Poste, attivando una commissione di conciliazione dei contenziosi sul modello di quella già esistente e pattuita con il Gruppo per la media e lunga percorrenza.

Le Associazioni fanno sapere che solo poco dopo la mezzanotte è tornata la normalità sulla linea ferroviaria, bloccata a lungo a causa di un vasto incendio di sterpaglie lungo i binari nel territorio di San Martino Buon Albergo. Secondo le segnalazioni pervenute alle Associazioni, molti viaggiatori sono rimasti bloccati alla Stazione di Verona Porta Nuova senza alcuna assistenza. Sono stati una decina i convogli rimasti bloccati per ore in entrambe le direzioni. Inoltre, diversi regionali e intercity sono stati soppressi con disagi enormi per chi doveva spostarsi.

Durante la sosta forzosa molti viaggiatori, lasciati in balia di se stessi, hanno preso d’assalto i distributori automatici di bevande svuotandoli completamente. Oltre alla diffusione delle comunicazioni standard circa il ritardo e la soppressione dei treni – scrivono le Associazioni – sarebbe stata buona norma distribuire gratuitamente acqua e viveri a tutti i malcapitati costretti a sostare sui treni o sotto le pensiline con 38 gradi di temperatura. Chi volesse segnalare il proprio nominativo per partecipare alle richieste di risarcimento lo può fare tramite il sito adiconsumverona.it o il numero verde del Movimento consumatori 800 178 950 (Lun-Mer-Ven 9.30-13.00).

 

Comments are closed.