TRASPORTI. Sciopero nazionale: domani stop ai bus, treni fermi dalle 21 di oggi

Si annuncia un venerdì di disagi per chi viaggia in treno o si sposta con i mezzi pubblici locali. Inizia infatti stasera, con il blocco della circolazione ferroviario, lo sciopero nazionale dei trasporti proclamato per l’8 e 9 luglio e indetto dalla Filt-Cgil, dalla Fit-Cisl, Uilt, Ugl, dall’Orsa, dalla Faisa e dalla Fast a sostegno della vertenza per il nuovo contratto unico della mobilità.

Capitolo treni: dalle 21 di oggi alle 21 di domani, venerdì 9 luglio, i treni potranno subire cancellazioni o variazioni. Annuncia Trenitalia: "Per i treni di media e lunga percorrenza è stato predisposto uno speciale programma di circolazione, che comprende e integra i servizi essenziali previsti in caso di sciopero. Per quanto riguarda i treni regionali, si ricorda invece che saranno garantiti i servizi essenziali nelle fasce orarie a maggiore mobilità pendolare nei giorni feriali (6.00-9.00 e 18.00-21.00)". L’agitazione sindacale potrà comportare ulteriori modifiche al servizio anche prima dell’inizio e dopo la sua conclusione. Nel corso dello sciopero sarà garantito il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino, con il treno "Leonardo Express" o con autobus sostitutivi. Sul sito delle Ferrovie le indicazioni sui treni garantiti. Informazioni anche al call-center Trenitalia 89.20.21 e al numero verde 800-892021, attivo fino alle ore 9 di sabato 10 luglio.

Capitolo trasporti pubblici: gli orari dello sciopero varieranno a seconda delle diverse città. A Roma lo sciopero di 24 ore coinvolgerà l’Atac e Roma Tpl: bus, tram, metrò e ferrovie Roma-Lido, Roma-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo sciopereranno dalle 8.30 alle 17.30 e dalle 20 a fine servizio. Corse dunque garantite solo dall’inizio servizio sino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. A Milano, lo sciopero si svolgerà dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio.

Comments are closed.