TRASPORTI. Taxi, Roma: Codici chiede delibera che definisca tariffe

Codici chiede alla giunta comunale di Roma di predisporre una delibera per definire i criteri per la formazione delle tariffe dei taxi e di istituire un organismo di vigilanza sull’operato del servizio reso ai cittadini. È quanto annuncia oggi l’associazione, che punta i riflettori sull’aumento delle tariffe dei taxi e soprattutto sulle tariffe che riguardano le tratte da e per gli aeroporti.

Commenta il segretario nazionale Ivano Giacomelli: "Secondo la normativa, art. 4 della legge n.21 del 15 Gennaio 1992, titolata "Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea", i criteri nel redigere i regolamenti sull’esercizio degli autoservizi pubblici non di linea sarebbero di responsabilità delle Regioni. La Regione Lazio ha dato ha dato seguito a tale delega con la Legge Regionale del Lazio n.58 del 26.10.1993, ma il Comune di Roma non ha regolamentato tale disciplina. Infatti, non esisterebbe alcuna delibera che individui i criteri per la definizione della tariffa dei taxi".

Codici chiede dunque al sindaco di farsi promotore di una modifica della Commissione Consultiva "attualmente rappresentativa solo dei tassisti".

Comments are closed.