TRASPORTI. Taxi, Roma ha nuovo regolamento: ricevuta obbligatoria e maggiore trasparenza

L’Assemblea Capitolina ha approvato la delibera numero 67 che modifica il regolamento di taxi e botticelle. La delibera introduce, tra l’altro, la ricevuta obbligatorie e più trasparenza. Saranno, inoltre, potenziate le corsie preferenziali per i taxi, saranno predisposte colonnine in ogni posteggio, sarà implementato il numero unico. I tassisti dovranno adeguarsi ad un codice di comportamento specifico che preveda anche un abbigliamento consono alla professione e test anti droga e anti alcol periodici.

Nulla sull’aumento tariffario (al momento i costi delle corse taxi restano invariati) ma la delibera stabilisce i criteri sulla base dei quali effettuare una congrua valutazione prima di fissare eventuali adeguamenti (costi di gestione, inflazione, indici Istat). Rispetto all’iniziale versione della delibera, il nuovo regolamento stabilisce che eventuali aumenti tariffari saranno approvati dalla giunta comunale previo parere della commissione capitolina Trasporti. Per i vetturini delle botticelle, è previsto l’obbligo di indossare una divisa ed esporre in modo chiaro e visibile le tariffe orarie. Iscrizione all’anagrafe dei cavalli abilitati e controlli periodici sullo stato di salute. I vetturini dovranno infine attenersi a percorsi protetti e prestabiliti ed evitare di circolare con temperature superiori ai 35°. In caso di inosservanza alle regole è previsto il ritiro della licenza.

L’Adoc apprezza lo sforzo dell’Assessore Aurigemma. "Col nuovo regolamento taxi sono state accolte tutte le nostre richieste: dall’aumento delle corsie preferenziali all’introduzione della ricevuta obbligatoria automatica, dal numero unico alla colonnine ai parcheggi" spiega Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc che aggiunge: "Consideriamo inoltre ottima la possibilità di inserire il costo della corsa taxi nel prezzo del biglietto aereo. In merito alle sanzioni da valutare e applicare a carico degli operatori chiediamo l’instaurazione di una Commissione realmente paritetica, equilibrata con uguale numero di membri rappresentanti di consumatori e tassisti, auspicando anche l’avvio di una procedura di conciliazione per risolvere in via stragiudiziale, rapida ed economica, ogni eventuale controversia con la clientela. Per quanto concerne le tariffe ci auguriamo che nella Commissione sia presente anche l’Adoc come rappresentante degli interessi dei consumatori e che le tariffe stesse siano fissate con criteri oggettivi, e che gli aumenti non coinvolgano le corse da e verso gli aeroporti, già oggi onerose, sia quelle a costo fisso che quelle a costo variabile".

Comments are closed.