TRASPORTI. Taxi a Roma, Adoc annuncia ricorso contro esclusione da commissione consultiva

L’Adoc ha chiesto di accelerare i tempi per una riunione del tavolo congiunto fra Consumatori e sigle dei tassisti e ha annunciato che presenterà ricorso contro la sua esclusione dalla commissione consultiva per le tariffe taxi. L’Adoc, assieme ad altre cinque Associazioni dei consumatori (Adusbef, Adiconsum, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e Associazione dei pedoni) e a sette sigle rappresentative dei tassisti (Ati, Federtaxi Cisal, Fit Cisl, Lega Coop, Mit, Ugl e Unica Cgil) "ha chiesto al Comune di Roma – informa una nota dell’associazione – di accelerare i tempi per una riunione del tavolo congiunto, al fine di arrivare ad una soluzione condivisa rigettando soluzioni precostituite prese fuori dal tavolo ufficiali. Dalla richiesta, inoltrata lo scorso aprile, non si è avuta più notizia, mentre non si è ancora giunti a una soluzione in merito alla viabilità dei mezzi pubblici e ai controlli nei pressi degli aeroporti e delle stazioni ferroviarie per evitare abusi". Fra le richieste ribadite da consumatori e tassisti: trasparenza della tariffa; incentivi per carburanti e assicurazione, agevolazioni per rinnovo parco macchine al fine di abbattere i costi della tariffa; estensione della rete di corsie preferenziali; introduzione del numero unico di chiamata; riordino dei parcheggi taxi in prossimità delle tre principali stazioni (Termini, Tiburtina e Ostiense) e degli aeroporti di Fiumicino e Ciampino.

Comments are closed.