TRASPORTI. Taxi a Roma, Adoc apprezza apertura del “Fronte dei Volenterosi”

L’Adoc parteciperà al prossimo tavolo di confronto tra Comune, tassisti e consumatori fissato per lunedì 7 marzo, ribadendo le proprie proposte tra cui l’introduzione della ricevuta obbligatoria automatica, della commissione disciplinare paritetica, licenza con foto esposta in vettura, tariffari in doppia lingua stampati dal Comune e esposti sul taxi, in ogni parcheggio taxi e disponibili online, il completamento delle corsie preferenziali, il numero unico di chiamata taxi.

L’Adoc si siederà al tavolo con la volontà di individuare soluzioni che migliorino l’efficacia del servizio taxi, che sia più veloce e con costi contenuti, sostenibili da qualsiasi utente.

"Apprezziamo l’apertura del Fronte dei Volenterosi, in particolare sulla polizza assicurativa unica, del numero di chiamata unico e sulla vettura unica – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – soprattutto quest’ultima soluzione caratterizzerebbe la città di Roma, diventandone potenzialmente un suo simbolo, con l’augurio che possa segnare un nuovo inizio della storia dei taxi a Roma. Ciò nonostante, riteniamo inaccettabile fissare condizioni temporali dietro minacce di uno sciopero che già in passato è stato censurato dalla Commissione di Garanzia degli scioperi, dato che riguarda un servizio pubblico essenziale".

Comments are closed.