TRASPORTI. Taxi a Roma, Adoc chiede tavolo di confronto fra Comune e AACC

Dopo la sospensione degli aumenti tariffari del servizio taxi a Roma, disposto dal Tar del Lazio – con validità fino al 23 febbraio, quando è fissata l’udienza di discussione del ricorso in sede collegiale – il tema continua ad alimentare il dibattito nella Capitale e le iniziative delle associazioni dei consumatori. L’Adoc ad esempio "chiede di passare subito ai fatti instaurando un tavolo di confronto" fra il Comune e i Consumatori.

Ha spiegato il presidente dell’associazione Carlo Pileri: "Diciamo no a un muro contro muro tra il Comune e i consumatori; al contrario, auspichiamo si possa aprire subito un tavolo di confronto tra il Comune e tutte le associazioni dei consumatori sul trasporto pubblico non di linea, che individui soluzioni condivise a vantaggio dell’utenza, dei turisti e dei pellegrini. Invitiamo pertanto l’Assessore Aurigemma a costituire al più presto tale sede di confronto. L’Adoc è sempre stata disponibile a trovare soluzioni che migliorino la qualità del servizio, a vantaggio di utenti e tassisti, dall’aumento delle corsie preferenziali all’introduzione di tariffe agevolate su carburanti e assicurazioni e al miglioramento delle condizioni di lavoro degli operatori. Ma a patto che le tariffe attuali non vengano aumentate".

Comments are closed.