TRASPORTI. Taxi a Roma, Adoc ribadisce: rincari inaccettabili

Taxi a Roma: per l’Adoc l’aumento delle tariffe per le tratte determinate e di quelle per gli aeroporti è inaccettabile. Dichiara il presidente Carlo Pileri: "Per i consumatori gli aumenti tariffari del servizio taxi sono inaccettabili. E’ vergognoso il rincaro del 100% delle tariffe per le tratte predeterminate, così come previsto nella proposta di Bittarelli. E altrettanto intollerabile è l’aumento a 48 euro della corsa per l’aeroporto di Fiumicino". Per l’associazione, gli incentivi devono concentrarsi sui carburanti e sull’assicurazione, e serve un impegno concreto del Comune per l’estensione delle corsie preferenziali.

"Gli incentivi che il Comune è disposto ad accordare, secondo quanto richiesto dall’Adoc e dalle principali Associazioni dei consumatori e dei tassisti nella riunione tenutasi presso la sede dell’Adoc lo scorso 5 aprile, rappresentano un primo passo verso la soluzione della vertenza – continua Pileri – ma devono essere necessariamente previsti per i carburanti, per le assicurazioni e per l’adeguamento delle vetture. Gli incentivi, tuttavia, non possono essere limitati a questi settori ma devono completarsi con l’estensione della rete delle corsie preferenziali, che aumenterebbe la velocità commerciale, il riordino dei parcheggi taxi in prossimità delle tre principali stazioni (Termini, Tiburtina e Ostiense) e degli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, al fine di contrastare qualsiasi abuso ed elusione delle norme da parte dei singoli a danno dei consumatori e dei tassisti, e l’introduzione del numero unico di chiamata, in grado di ottimizzare il servizio." Per l’associazione bisogna inoltre prevedere l’introduzione della ricevuta obbligatoria con esposizione della licenza con foto all’interno della vettura.

Comments are closed.