TRASPORTI. Taxi a Roma: pulizia, cortesia, puntualità con la Carta Servizi adottata da “3570 Gold”

"Per la prima volta siamo seduti allo stesso tavolo con i tassisti e il Comune di Roma e non parliamo di prezzi ma di qualità". Ha esordito così il presidente del Codacons Carlo Rienzi alla presentazione della Carta Servizi adottata dalla Cooperativa Radiotaxi 3570 per il servizio "3570 Gold". La Carta ha ottenuto l’ok del Codacons ed introduce una vera e propria rivoluzione nel servizio taxi di Roma: il tassista dovrà essere cordiale, ben abbigliato e professionale con il cliente; dovrà tenere la radio accesa solo se l’utente lo vuole e dovrà consigliarsi con lui sul tragitto migliore da fare (se il passeggero ha suggerimenti da dare); inoltre, il tassista dovrà arrivare entro 5 minuti dalla chiamata e se il ritardo è maggiore è tenuto a comunicarlo; dovrà avere sempre una scorta di monete per garantire il resto al cliente.

Sul taxi 3570 Gold è comunque possibile pagare con bancomat o carta ed il tassista, prima di partire, dovrà controllare che gli apparati radiotaxi, il P.O.S. il navigatore gps e il climatizzatore funzionino, altrimenti quel giorno non potrà effettuare il servizio Gold. Le vetture, infine, devono essere sempre pulite, nuove e in perfetto stato di manutenzione.

"Siamo stufi di entrate su taxi vecchi, con gente maleducata che fa battute di cattivo gusto sulle donne, si presenta vestita in modo trasandato – ha dichiarato Rienzi – Un servizio del genere non è accettabile per una città come Roma che ambisce ad ospitare le prossime Olimpiadi. Questo esempio dovrebbe essere seguito da tutte le cooperative di taxi poiché in questa Carta Servizi ci sono tante piccole cose che però sono molto importanti, a cominciare dal fatto che il tassista deve avere sempre un quantitativo di spiccioli per dare il resto: in questo modo non ci sarà più quella spiacevole sensazione per il cliente che si sente costretto a lasciare la mancia anche se in quel momento non vuole. E poi le macchine devono essere nuove e pulite, il tassista deve aprire lo sportello all’utente e mettere i bagagli a bordo, non deve arrivare dopo 5 minuti".

"Tutto questo renderà il servizio completamente differente rispetto a quello che abbiamo avuto fino ad oggi. Il Codacons controllerà che gli impegni vengano rispettati, grazie ad alcune persone che prenderanno il taxi senza dire chi sono; in caso di controversia tra l’utente e il tassista l’Associazione aiuterà il consumatore nella procedura di conciliazione. Io credo – ha concluso Rienzi – che nel servizio taxi, dove per il momento i prezzi sono imposti, la concorrenza si debba fare sulla qualità: finirà quindi che se tutti iniziano ad utilizzare il servizio Gold gli altri dovranno adeguarsi ed offrire una maggiore qualità".

Sembra proprio che il servizio 3570 Gold, attivo già dal 10 giugno, abbia messo d’accordo per la prima volta, dopo lunghi scontri, tassisti e Consumatori. "Noi quando si vuole fare una qualità migliore facciamo accordi con chiunque. Naturalmente in questo caso c’è stato un lunghissimo lavoro su tutti i fronti" ha precisato il Presidente del Codacons.

Anche i tassisti della Cooperativa 3570 hanno ammesso di aver avuto qualche frizione iniziale da parte degli altri tassisti, un po’ più conservatori e meno predisposti al cambiamento. Nel servizio 3570 Gold i tassisti hanno cercato di accentrare le principali richieste degli utenti: macchina grande, pulita, puntuale e pagamento con carta. E in soli 3 mesi il servizio ha effettuato ben 6.500 corse ed ha ottenuto l’adesione di 1200 tassisti uomini, di 50 tassiste donne e di oltre 500 adesioni che sono in attesa del corso di formazione per diventare "Gold".

"Crediamo che questo servizio possa riaccreditare la figura del tassista agli occhi del consumatore – ha commentato Loreno Bittarelli Presidente del 3570 – Presto arriverà anche il servizio Wi-fi e per i primi sei mesi sarà gratuito su tutte le nostre vetture. Non è stato facile attivare questo servizio, ma per noi è una vera rivoluzione professionale".

L’Assessore alla mobilità del Comune di Roma Antonello Aurigemma ha sottolineato l’importanza del "vedere seduti allo stesso tavolo tassisti e utenti". "Le critiche ci sono, ma quando sono propositive aiutano a trovare la soluzione che nessuno ha in tasca. E grazie al lavoro con le Associazioni dei consumatori siamo riusciti a risolvere tanti problemi. Ad esempio domani porteremo al Comune la delibera taxi che è il frutto di un lungo lavoro con loro e con altri soggetti. Il regolamento non parla solo di tariffe ma anche di lotta all’abusivismo, lotta all’inquinamento, un aumento di corsie preferenziali ed alcune misure di trasparenza approvate dall’Antitrust. E’ fondamentale approvarla – ha concluso Aurigemma – perché non è un punto d’arrivo, ma un punto di partenza che aprirà un Tavolo permanete di discussione. Credo che il trasporto a Roma possa funzionare solo se ci sono regole che vengono rispettate da tutti".

di Antonella Giordano

Comments are closed.