TRASPORTI. Treni, in aumento Espressi e Interregionali. La reazione dei consumatori

Entrano in vigore oggi, 2 febbraio, gli aumenti tariffari dei treni Espressi e Interregionali. Lo ricorda Trenitalia in una nota in cui precisa: saranno aumentati mediamente di 90 centesimi i biglietti e di due euro e mezzo gli abbonamenti mensili degli Espressi e degli Interregionali.

L’aumento arriva a seguito della ridefinizione, per il 2007, dell’offerta e delle relative risorse destinate ai contratti di servizio pubblico, in vigore tra Trenitalia e lo Stato, che finanziano i treni Espressi notte, il trasporto regionale delle regioni a statuto speciale e delle province autonome e le compensazioni tariffarie per il trasporto delle merci nella lunga percorrenza. Gli stanziamenti compensano parzialmente i tagli operati dalla finanziaria 2006 sul contratto di servizio viaggiatori.

In tale ambito il Ministro dei Trasporti ha autorizzato un intervento sulle tariffe dei treni Espressi ed Interregionali per collegamenti fra più regioni che viene a completare l’azione di revisione dei prezzi ferroviari per il trasporto di media e lunga percorrenza che è stata avviata il 1^ gennaio scorso, dopo cinque anni di fermo, al fine di supportare una offerta economicamente non sostenibile e di avvicinare il livello delle tariffe di Trenitalia a quello delle principali Reti ferroviarie Europee.

Immediata la reazione dei consumatori. "I rinnovati vertici delle ferrovie – si legge in una nota di Federconsumatori e Adusbef – procedono ad aumenti senza rispettare nessuno dei passi procedurali configurati dalla delibera CIPE 173/99, che formalmente ancora regola le tariffe ferroviarie e senza un atto di regolazione esplicito. Ci si è limitati a una presa d’atto del Governo di un aumento predisposto direttamente dall’impresa regolata.

"I prezzi dei biglietti – proseguono le associazioni – seguitano ad aumentare malgrado la puntualità, la pulizia, il comfort e l’efficienza restino insoddisfacenti e in assenza di un piano strategico di riforma e riqualificazione del servizio, ma solo per motivazioni di cassa e navigando a vista. Stiamo verificando con i nostri legali la liceità degli aumenti sia per gli aspetti di merito che procedurali".

Comments are closed.