TRASPORTI. Trenitalia: abolito biglietto aperto per treni a lunga percorrenza. Consumatori contrari

Il nuovo orario di Trenitalia porta con sé diverse novità e la principale riguarda la fine del "biglietto aperto" su tutti i treni a media e lunga percorrenza. Come informa Trenitalia, l’avvio del nuovo orario (in vigore dal 14 giugno al 12 dicembre) si accompagna a innovazioni fra le quali la necessità di procurarsi un biglietto con prenotazione: chi acquista il biglietto per qualsiasi treno a media e lunga percorrenza (Espressi, Intercity Notte e Intercity, categoria che assorbirà anche gli attuali Intercity Plus) dovrà dire, informa Trenitalia, quando intende effettuare il viaggio e con quale treno. Il biglietto non sarà quindi più utilizzabile, previa convalida, entro due mesi su qualunque convoglio della stessa categoria, ma solo sul treno e nel giorno scelti. Ci sarà la possibilità di cambiare prenotazione fino a due volte prima della partenza, mentre cessa l’obbligo di vidimare il ticket prima di salire a bordo. Il biglietto, il cui costo includerà anche la prenotazione, conterrà l’indicazione del posto a sedere assegnato. Nel caso non vi fosse disponibilità di posti a sedere, il cliente potrà chiedere ugualmente di viaggiare. In questo caso il biglietto recherà la dicitura "senza garanzia del posto". E con il nuovo orario verrà adeguato anche il prezzo di alcuni treni "non contribuiti", ossia di convogli che non ricevono alcun corrispettivo pubblico e la cui sostenibilità economica deriva quindi dalla sola vendita di biglietti e abbonamenti.

A sollevarsi contro la novità sono Federconsumatori e Adusbef che denunciano la presenza di aumenti camuffati e aumenti espliciti, con rincari del 10% sulle tariffe e costi di prenotazione. Problematico anche il cambiamento di regime sui biglietti una volta aperti: "Ora non neghiamo – affermano le due associazioni – che il superamento della obliterazione e l’assegnazione di un posto certo siano questioni da percorrere ma certo è che con l’attuale insufficienza dei mezzi di trasporto e con i ritardi endemici che il servizio pone, non solo si scade nel ridicolo quando si afferma la certezza del posto a sedere ma si mette a rischio in maniera consistente la validità per milioni di biglietti acquistati in caso di perdita delle coincidenze. Si tratta perciò di ripensare profondamente a tali decisioni, aprendo nei prossimi giorni un serio confronto per soluzioni adeguate pena altrimenti di un ricorso al TAR delle nostre associazioni".

Fra le altre novità introdotte da Trenitalia, ci saranno una promozione chiamata Familia Estate: vale per treni AV ed AV Fast dal 1° luglio al 31 agosto e prevede la gratuità per i ragazzi fino a 12 anni e il 20% di sconto per gli adulti a patto che il gruppo sia composto da un minimo di 3 ad un massimo di 5 persone. Continuerà fino al 30 settembre la promozione low cost su Frecciarossa ed Eurostar. Verranno introdotti nuovi collegamenti Eurostar City lungo la linea tirrenica e accorceranno i tempi alcune corse Genova-Roma e Torino-Roma.

Comments are closed.