TRASPORTI. Trenitalia: soddisfazione e passeggeri record per AV. Consumatori: “Non è vero”

L’Alta Velocità di Trenitalia ha raccolto oltre sei milioni di passeggeri in quattro mesi e percentuali di soddisfazione a dir poco lusinghiere: i Frecciarossa raccolgono un giudizio positivo dal 93,4% dei clienti, gli AV Fast dal 95,3% della clientela. Aumentano gli indici di puntualità e aumentano le persone che scelgono di viaggiare in AV: i viaggiatori sono aumentati fino al 22% sulla linea fra Roma e Milano e del 31% fra Milano e Napoli. Percentuali da record secondo Trenitalia, contestate però dalle associazioni dei consumatori, per le quali i dati dell’azienda contrastano con i ritardi dei treni e con gli aumenti dei prezzi.

6 milioni di passeggeri e soddisfazione che vola a oltre il 90%? "Movimento Consumatori e Federconsumatori si chiedono come vengano prodotti questi dati e queste percentuali se, invece, sono sotto gli occhi di tutti i ritardi che continuano ad avere i treni Alta Velocità", affermano le due associazioni in una nota congiunta.

"Di sicuro c’è solo l’aumento del prezzo dei biglietti – affermano – e non solo quelli per l’Alta Velocità, ma anche per altre tipologie di treni per i quali non c’è stato alcun miglioramento". Attualmente un treno Alta Velocità deve accumulare almeno 120 minuti di ritardo per poter ottenere un indennizzo pari alla metà del prezzo del biglietto, mentre prima erano sufficienti 26 minuti. "E’ evidente – sottolineano le associazioni – che in questa maniera Ferrovie non ha alcun interesse a far arrivare puntuali i treni".

Comments are closed.