TRASPORTI. Vacanze di Pasqua, UNC: se il “terminal” diventa un incubo

A chi non è mai capitato di vagare in aeroporto, magari con i bagagli a carico, in cerca di qualcuno che dia informazioni corrette su un volo cancellato o su bagagli smarriti? Queste sono scene ormai all’ordine del giorno, ma il culmine si raggiunge durante i giorni di vacanze. Il Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), Massimiliano Dona, fa un parallelo con il film di Steven Spielberg, "The Terminal", in cui il protagonista (Tom Hanks) viene bloccato per giorni in aeroporto senza spiegazioni né assistenza.

"E’ questo lo stato di abbandono in cui il passeggero può trovarsi in aeroporto – afferma Dona – proprio nei periodi delle molte partenze, come durante le prossime vacanze pasquali, la nostra Unione è presa d’assalto da migliaia di proteste dei consumatori che denunciano voli cancellati all’ultimo momento, lunghe attese senza nessun avviso e valigie disperse o giunte a destinazione con giorni di ritardo". "Il passeggero deve tener presente che in caso di cancellazione del volo ha diritto al rimborso del prezzo del biglietto oppure, in alternativa, ad un volo sostitutivo. Inoltre – ricorda l’avvocato Dona – durante l’attesa, la compagnia aerea deve offrire opportuna assistenza: pasti e bevande, adeguata sistemazione in albergo, trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione".

"Nel caso di smarrimento o ritardata consegna dei bagagli in aeroporto – aggiunge il Segretario dell’UNC – è necessario presentare sempre denuncia presso l’ufficio reclami dove verrà fatto compilare l’apposito modulo P.I.R.; in seguito, è opportuno inviare le lamentele con la relativa documentazione dei disagi subiti alla compagnia aerea e per conoscenza ad un’associazione dei consumatori. Qualora si trattasse di un ‘viaggio tutto compreso’ – conclude Massimiliano Dona – il tour operator, secondo gli articoli 82 e seguenti del Codice del Consumo, è responsabile di tutti i disservizi: quindi, il consumatore dovrà rivolgersi per qualsiasi problema all’organizzatore del viaggio (mettendo in copia l’Unione Nazionale Consumatori) entro 10 giorni lavorativi dal rientro della vacanza". Per ulteriori informazioni e consulenze si può consultare l’apposito sportello ‘vacanza rovinata’ presente sul sito dell’Associazione.

Comments are closed.