TRASPORTI. Vacanze in auto, ecco cosa c’è da sapere prima di mettersi in viaggio

Durante gli esodi estivi aumenta il numero di veicoli in circolazione sulla rete stradale e con essa il numero degli incidenti stradali. Al fine di rendere la partenza per le vacanze un momento gioioso e sicuro – soprattutto – è indispensabile, prima di iniziare il viaggio, rispettare alcune regole basilari per la nostra sicurezza e per quella degli altri. Utili suggerimenti giungono dalla Fondazione ANIA per la sicurezza stradale: si tratta di semplici regole che dovrebbero diventare un’abitudine.

Decalogo di viaggio

  • Verificare di avere tutti i documenti: libretto di circolazione, certificato d’assicurazione, carta verde (per l’estero).
  • Verificare di disporre del triangolo per la segnalazione di auto in panne, del crick e della chiave per i bulloni delle ruote.
  • Evitare di partire nelle ore più "calde" sia dal punto di vista del traffico sia da quello del clima.
  • Evitare di mettersi in viaggio dopo aver mangiato per non rischiare colpi di sonno dovuti alla digestione.
  • Evitare gli alcolici prima della partenza. Il limite alcolemico è di 0.5 gr/l.
  • Posizionare correttamente le valige nel portabagagli. Il carico più pesante andrà collocato possibilmente verso il centro dell’auto per limitare le variazioni di comportamento dell’auto stessa.
  • Allacciare le cinture di sicurezza.
  • Assicurare i bambini sui seggiolini (fino a 15 kg) o sui riduttori omologati (fino ai 30 Kg).
  • Rispettare la distanza di sicurezza e i limiti di velocità.
  • Pianificare il percorso controllando le previsioni sul traffico e gli eventuali lavori in corso. Ad esempio, da http://blackpoint.smaniadisicurezza.it/index.jsp?pagina=34 è possibile scaricare gratuitamente sul navigatore la mappatura dei black points, punti critici della rete stradale italiana.

Controlli da effettuare all’autovettura prima di mettersi in viaggio

  • – Controllare la corretta pressione di gonfiaggio delle gomme e del ruotino/ruota di scorta.
  • – Verificare il consumo del battistrada e l’usura dei "fianchi" dei copertoni. Lo spessore del battistrada non deve essere inferiore a 1,6 mm, secondo il Codice della Strada (ma in realtà è bene che non scenda mai sotto i 2 mm).
  • – Se l’auto è molto carica aumentare la pressione delle gomme seguendo sempre le indicazioni del "Libretto d’uso e manutenzione".

I "livelli" da controllare

  • – Olio motore
  • – Olio cambio
  • – Olio freni
  • – Liquido di raffreddamento
  • – Liquido lavavetri
  • – Cinghia di distribuzione, se l’autovettura ha più di 30.000 km
  • – Spazzole tergicristallo

Comments are closed.