TRASPORTI. Venerdì sciopero nazionale di bus e treni. Si tratta per sospensione

Si annuncia un venerdì di disagi per lo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale e del trasporto ferroviario, indetto a sostegno del nuovo CCNL della mobilità dalle principali sigle sindacali, anche se sembra ancora aperta la possibilità di una sospensione. L’astensione dal lavoro nel trasporto ferroviario partirà dalle 21 di giovedì 21 ottobre alla stessa ora di venerdì 22 ottobre: alcuni treni potranno dunque essere oggetto di cancellazioni o limitazioni di percorso. Come informa Trenitalia, "per quanto riguarda in particolare i treni a media-lunga percorrenza, saranno assicurati tutti i convogli elencati nell’apposita tabella A dei treni previsti in caso di sciopero nei giorni feriali e festivi, consultabile sull’orario ufficiale e sul sito web www.ferroviedellostato.it. Per quanto riguarda i treni regionali, saranno garantiti i servizi essenziali nelle fasce orarie a maggiore mobilità pendolare nei giorni feriali (6-9 e 18-21)".

A Roma lo sciopero del trasporto pubblico coinvolge i mezzi di tutte le aziende capitoline. A rischio, dunque, le corse di autobus, tram, metro A e B e ferrovie locali (Roma-Lido, Roma-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo). La protesta dura 24 ore e rispetta le fasce di garanzia: i mezzi sono attivi al mattino fino alle 8,30 e nel pomeriggio dalle 17 alle 20. Lo sciopero è dunque effettivo dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine giornata. Rientrano nell’agitazione anche le 27 linee dei bus N nella notte tra giovedì 21 e venerdì 22.

Ma secondo fonti Agi, si va verso la sospensione dello sciopero. Secondo quanto apprende l’Agi, infatti, "i sindacati avrebbero ricevuto dal ministero dei Trasporti rassicurazioni in merito alla vertenza per la definizione e sottoscrizione del nuovo CCNL della Mobilita".

Comments are closed.