TRASPORTO AEREO. Adiconsum: “Sì al regolamento europeo sui bagagli e al Fondo di garanzia”

Un regolamento europeo che risolva il problema dei bagagli smarriti ed un fondo di garanzia che risarcisca i passeggeri vittime del fallimento delle compagnie aeree. Sono queste le proposte annunciate ieri dal Commissario europeo ai Trasporti, Antonio Tajani, sulle quali Adiconsum ha espresso un giudizio favorevole.

"Adiconsum accoglie positivamente – ha detto Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum – le dichiarazioni del Commissario Europeo ai Trasporti, Antonio Tajani, che recepiscono le nostre sollecitazioni in merito alla realizzazione di un Regolamento Europeo che dia garanzie alle migliaia di passeggeri e di turisti. Altrettanta soddisfazione per l’istituzione di un Fondo ad hoc, che superi il Fondo di Garanzia in essere e che risarcisca i consumatori colpiti dal fallimento di compagnie aeree".

Adiconsum propone che il Fondo sia a carico delle compagnie aeree, alimentato da una quota da stabilire per ogni tratta venduta, oltre che dalle sanzioni irrogate per la perdita dei bagagli.

"Se pur consideriamo positive le dichiarazioni dell’On. Tajani – ha dichiarato Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – che recepiscono, almeno in parte le proposte fatte da Adiconsum, non possiamo non rilevare, almeno dalle dichiarazioni avute tramite lanci delle agenzie, che il rischio sia la creazione di un ennesimo Fondo Statale, che puntualmente rischia di essere svuotato da necessità generali del Ministero dell’Economia; così come non possiamo non rilevare che la realizzazione dell’ennesima Autorità nazionale, comporterebbe spesa pubblica inutile".

Adiconsum propone poche, ma significative riforme, in merito alla perdita dei bagagli e vacanze rovinate:

  • reale potere di vera Authority del Trasporto Aereo al’Enac, per il controllo, la prevenzione e il sanzionamento dei disservizi a danno dei passeggeri, senza dar vita ad ulteriori Autorità del Volo;
  • sanzioni certe e con effettivo potere deterrente alle compagnie aeree, e non multe simboliche ed una tantum (attualmente la sanzione è di duemila euro al di là della quantità di bagagli persi). Tali multe dovrebbero confluire in un costituendo Fondo capace di risarcire prontamente le "vittime" dei disservizi aerei;
  • costituzione di un Ente Bilaterale, formato pariteticamente dalle Aziende del Volo e del Turismo e dalle Associazioni dei Consumatori, controllato dall’Enac, attraverso la nomina del Presidente del Collegio dei revisori, che abbia tra i suoi scopi, non solo la gestione del costituendo Fondo, ma anche la realizzazione di un Osservatorio stabile del settore, capace di monitorare il comparto e quelli ad esso strettamente connessi, come il turistico;
  • conciliazione pre-giudiziale dei reclami e dei contenziosi tra consumatori e aziende del volo e turistiche, con effetti positivi di decongestionamento della giustizia pubblica;
  • implementazione della informazione sui diritti dei passeggeri;
  • individuazione di criteri e standard, concordati, nei sistemi di qualità;
  • gestione, da parte dell’Ente Bilaterale così come descritto, del Fondo proposto dal Vice Commissario Tajani, non solo per la tutela dei consumatori colpiti dai fallimenti di compagnie aeree, ma anche per la gestione dei danni subiti dai passeggeri e dai turisti per la perdita dei bagagli e per vacanze rovinate.

"Non è possibile – secondo Adiconsum – continuare a escludere le associazioni dei consumatori, che sono i rappresentanti delle "vittime" dei disservizi, immaginando di promuovere un sistema in cui i controllati coincidono con i controllori!"

 

Comments are closed.