TRASPORTO AEREO. Adiconsum: paradossale l’intervento dell’Enac

"È paradossale che debba intervenire l’Enac per ristabilire le "regole del gioco" elementari per un’imprenditoria che dovrebbe essere sana. Organizzazione del lavoro, maggiore occupazione per garantire le punte di afflusso o la tracciabilità dei bagagli sono l’ABC di un servizio efficiente". Così Adiconsum commenta le decisioni assunte ieri dall’Enac in merito ai disservizi nella consegna dei bagagli avvenuti la scorsa estate all’aeroporto di Fiumicino. Nel corso dei mesi estivi l’ENAC ha effettuato rilievi giornalieri sull’operatività degli aeroporti analizzando dati di traffico, puntualità, regolarità del servizio e standard di qualità. Particolarmente rilevanti sono stati i disservizi legati alla gestione dei bagagli ed alla loro riconsegna presso l’Aeroporto di Roma Fiumicino.

A tal proposito l’ENAC ha chiesto alle società di assistenza a terra che operano su Fiumicino di assumersi impegni precisi per evitare che la prossima estate l’aeroporto si ritrovi nella situazione di questa estate. L’ENAC vigilerà costantemente sull’attuazione dei correttivi facendo verifiche intermedie. Il primo banco di prova sarà costituito dalle vacanze di fine e inizio anno.
Nello specifico le società di handler attive su Fiumicino dovranno dotarsi di una organizzazione maggiormente rispondente alle necessità del mercato e ai rapporti contrattuali stipulati con le compagnie aeree. Per lavorare in efficienza, inoltre, il personale dovrà essere adeguatamente addestrato. Le società sono state anche invitate ad operare consorziandosi per supplire ad eventuali carenze nei momenti di criticità.

Per quanto riguarda la società di gestione ADR-Aeroporti di Roma, si è impegnata a migliorare la fruibilità e funzionalità dello scalo e a svolgere più incisivamente il compito di amministrare e gestire le infrastrutture aeroportuali, coordinando e controllando le attività dei vari handler presenti nell’aeroporto, come peraltro previsto dal Codice della Navigazione

Adiconsum chiede:

  • al Governo di conferire all’Enac reali poteri sanzionatori;
  • di irrogare sanzioni di mille euro per ogni bagaglio perso
  • di creare subito un Fondo mutualistico che risarcisca con celerità i danni subiti dai passeggeri per perdita dei bagagli;
  • di istituire un Ente Bilaterale tra le parti, associazioni dei Consumatori e Associazioni delle aziende del Volo e del Turismo, allo scopo di monitorare il settore e di attivare la conciliazione rapida e pre-giudiziaria in caso di contenzioso tra passeggeri e imprenditori del volo;
  • di promuovere un’informazione capillare sui diritti dei passeggeri, e di ampliare tali diritti a tutto il sistema aeroportuale: vendita ed intermediazione di pacchetti di viaggio, servizi alberghieri, servizi cambi e/o informazione sui bonifici transfrontalieri, vendita di prodotti all’interno delle aeree aeroportuali (per es. prodotti acquistati nel duty free e shopping di vario genere) ecc..

Comments are closed.