TRASPORTO AEREO. Adoc: rimborsare tutti i biglietti per voli cancellati causa nube vulcanica

L’Adoc chiede all’Enac di rimborsare tutti i voli cancellati, anche quelli low cost, per il nuovo stop aereo causato dalla nube vulcanica proveniente dall’Islanda. "Chiediamo nuovamente all’Enac di prevedere il rimborso per intero di tutti i biglietti relativi ai voli cancellati, anche quelli low cost – ha detto Carlo Pileri, presidente dell’Adoc – una decisione del genere permetterebbe di dare certezze ai consumatori e di evitare eventuali abusi da parte di tour operator, compagnie aeree e agenzie di viaggio, che potrebbero approfittare della particolare situazione per danneggiare i consumatori".

L’Adoc ricorda in ogni caso i diritti dei viaggiatori in casi eccezionali come quello causato dalle ceneri del vulcano islandese: assistenza a terra, rimborsi del prezzo del biglietto per la parte di viaggio o in alternativa riprotezione con partenza il prima possibile o in data successiva conveniente al passeggero. Inoltre sottolinea che la compensazione pecuniaria (il risarcimento dai 250 ai 600 euro), non è dovuta nei casi in cui: la compagnia aerea possa provare che la cancellazione del volo sia stata causata da circostanze eccezionali; il passeggero sia stato informato della cancellazione: a) con almeno due settimane di preavviso; b) nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di due ore prima rispetto all’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo quattro ore dopo l’orario originariamente previsto; c) meno di sette giorni prima e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di un’ora prima dell’orario.

Comments are closed.