TRASPORTO AEREO. Aduc: niente rimborso al passeggero. “Normativa Ue giustifica inefficienze”

Il passeggero doveva partire con un volo Firenze-Londra Meridiana cancellato per scarsa visibilità in aeroporto. Ma tutti gli altri aerei atterravano e decollavano regolarmente. Poiché aveva impegni improrogabili in Gran Bretagna, partiva dall’aeroporto di Bologna con un volo più costoso, senza accettare l’imbarco il giorno successivo proposto dalla compagnia aerea né il rimborso del prezzo del biglietto. Ma quando decide di fare causa per chiedere il rimborso e l’indennizzo previsto dalla normativa, la sua richiesta viene rifiutata dal giudice di Pace. È quanto denuncia l’Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori): "Il giudice di pace di Poggibonsi (Siena) ha emesso una sentenza significativa in materia di trasporto aereo – afferma l’Aduc in una nota stampa – Sentenza che, negativa per il ricorrente, serve a far comprendere come la normativa comunitaria recepita anche nel nostro Paese non è necessariamente a tutela del soggetto giuridicamente più debole (il passeggero), ma, interpretata dal giudice, si può trasformare in giustificazione delle inefficienze del vettore aereo".

Nella causa che il passeggero ha adito era stato chiesto il rimborso del biglietto del nuovo volo e l’indennizzo previsto dalla normativa, facendo forza sul fatto che tutti gli altri voli venivano effettuati dall’aeroporto di Firenze e, comunque, che il regolamento prevede la scelta di un volo alternativo essenzialmente rispetto alla "convenienza del passeggero". Ma il giudice ha accettato invece le motivazioni dell’annullamento del volo, sintetizza l’Aduc, e non ha considerato la "convenienza del passeggero" che doveva essere in Gran Bretagna la sera stessa. "In questo modo – afferma l’Aduc – il giudice ha stabilito il potere insindacabile di un vettore aereo sui passeggeri, che diventano pacchi da trasportare e non soggetti parte di un impegno contrattuale. Una sentenza che fa riflettere e rilancia la necessità di norme più precise".

Comments are closed.