TRASPORTO AEREO. AirOne vìola regolamento Ue: sanzioni comprese tra 150.000 e 450.000 euro

L’ENAC ha riscontrato 22 violazioni da parte di AirOne rispetto a quanto sancito dal Regolamento Comunitario n. 261/2004, che stabilisce le regole comuni europee in materia di compensazioni e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo e di ritardi prolungati. Il provvedimento si ricorda segue i gravi disservizi dei giorni scorsi, in particolare di domenica 30 e di lunedì 31 luglio, della compagnia aerea che hanno comportato numerosi ritardi e cancellazioni di voli. L’Enac – si legge dalla nota – precisa che qualora AirOne provvedesse volontariamente al pagamento delle singole contestazioni in misura ridotta (ai sensi dell’Art. 16 della Legge 24 novembre 1981, n. 689) entro 60 giorni dalla notifica, l’importo che la compagnia dovrà corrispondere sarà di circa 150.000 Euro. Se invece, continua l’Ente, AirOne non volesse conciliare in misura ridotta i pagamenti per le contestazione formulate dall’ENAC secondo il Regolamento di riferimento, l’importo che la compagnia dovrà corrispondere potrà raggiungere un massimo di circa 450.000 Euro.

Il Presidente Vito Raggio evidenzia: "Questi provvedimenti non intendono penalizzare le compagnie aeree, ma rappresentare un deterrente affinché situazioni difficili e di forte disagio per i passeggeri, come quelle che si sono verificate negli ultimi giorni, non abbiano più a ripetersi".

 

Comments are closed.