TRASPORTO AEREO. Body scanner, si parte a Malpensa. Codacons: “Nessuna assicurazione per salute”

Continua il programma dell’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) di sperimentazione dei body scanner per i voli diretti verso Stati Uniti e "destinazioni sensibili": oggi è stato attivato il body scanner dell’aeroporto Milano Malpensa, alla presenza del ministro dell’Interno Roberto Maroni, del sindaco di Milano Letizia Moratti, del presidente dell’Enac Vito Riggio e del presidente della SEA Giuseppe Bonomi. Si tratta del secondo body scanner attivato in Italia, dopo l’inaugurazione dello scorso 4 marzo a Fiumicino.

Secondo quanto comunica l’Enac, sono "due i tipi di body scanner che verranno testati per un periodo che durerà dalle 4 alle 6 settimane: le apparecchiature di ‘tipo attivo’ ad onde millimetriche – come quelli di Fiumicino e di Malpensa – e le apparecchiature con tecnologia definita di ‘tipo passivo’, che rileva il calore corporeo. Entrambe le tipologie verranno sperimentate sui tre aeroporti che fanno parte del progetto di prova: Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia".

La fase di sperimentazione dovrà dunque verificare la capacità dei body scanner di rilevare oggetti e sostanze non identificate dai metal detector. Per Vito Riggio, presidente Enac, "l’introduzione dei body scanner rappresenta una misura aggiuntiva rispetto alle verifiche attuali di security ed è finalizzata ad aumentare il livello di sicurezza e facilitare i controlli, nel pieno rispetto della tutela della salute dei passeggeri e del diritto alla privacy".

La sperimentazione dei body scanner incontra però l’ostilità del Codacons, per il quale nonostante le ripetute assicurazioni delle istituzioni "nessuno può attestare che le onde elettromagnetiche millimetriche non hanno effetti nocivi sulla salute, dato che non esistono studi a riguardo e la tecnologia a TeraHz non è mai stata realmente impiegata sull’uomo. Il principio di precauzione, quindi, ed il principio di non introduzione di nuove tecnologie, escluderebbero questa tecnologia. Per questo nessun consumatore può essere obbligato a sottoporsi ai controlli con i body scanner".

Comments are closed.