TRASPORTO AEREO. Commissione avvia indagine su restrizioni ai servizi aerei verso Sardegna

La Commissione Ue ha deciso di avviare un procedimento formale d’indagine avente per oggetto le norme imposte dall’Italia il 2 maggio 2006 su 16 collegamenti aerei tra tre aeroporti della Sardegna e grandi aeroporti dell’Italia continentale. La Commissione nutre seri dubbi sulla conformità degli oneri di servizio pubblico italiani con le norme del mercato dell’aviazione e ritiene che tali oneri possano avere per effetto la chiusura del mercato dei trasporti aerei verso la Sardegna. Il governo italiano deve reagire entro due mesi dalla notificazione della Commissione.

"Questo eventuale abuso pregiudica il principio dei servizi pubblici che difendo con determinazione. La Commissione europea deve garantire che i servizi pubblici non costituiscano un pretesto per chiudere alla concorrenza un mercato redditizio", ha detto Jacques Barrot, vicepresidente della Commissione europea responsabile dei trasporti. "È quanto la Commissione europea deve verificare nella fattispecie".

Negli anni ’90 la realizzazione del mercato interno dell’aviazione ha consentito l’accesso incondizionato di tutte le compagnie aeree europee ai mercati delle rotte intracomunitarie e dei collegamenti interni degli Stati membri. L’apertura del mercato ha previsto anche misure di salvaguardia, di cui la più importante riguarda gli oneri di servizio pubblico, che consentono ai governi di mantenere servizi considerati essenziali per un adeguato sviluppo del loro territorio. In assenza di tali oneri, il mantenimento di questi servizi potrebbe non essere garantito in quanto non risponde all’interesse commerciale dei vettori aerei.

La procedura degli Stati membri prevede due fasi. In primo luogo, per un determinato collegamento aereo lo Stato comunica, mediante pubblicazione, gli oneri di servizio pubblico che saranno imposti al vettore in termini di capacità, frequenza dei voli e tariffe. In seguito, se nessun vettore manifesta l’intenzione di fornire il servizio, lo Stato può limitare l’accesso alla rotta in questione ad un solo vettore e decidere di concedergli compensazioni finanziarie in cambio del rispetto di tali oneri.

L’analisi preliminare della Commissione sugli oneri pubblicati dallo Stato italiano rivela l’esistenza di elementi tali da far sorgere seri dubbi sulla conformità di tali oneri alla normativa europea. La Commissione ha il compito di proteggere il mercato interno e i singoli operatori che desiderano di offrire servizi di collegamento aereo devono essere adeguatamente tutelati da indebite restrizioni della concorrenza.

Diverse denunce sono pervenute su questo argomento dagli operatori del settore – si legge dalla nota – che, stando alle prime indicazioni, stanno subendo reali danni economici in conseguenza delle citate imposizioni sui collegamenti tra la Sardegna e la penisola italiana.

L’esecutivo ha deciso di approfondire il caso. In particolare, la Commissione intende:

  • vagliare il carattere essenziale dei collegamenti in questione per lo sviluppo economico delle regioni della Sardegna interessate e valutare se le imposizioni non abbiano per effetto una chiusura indebita dell’intero mercato;
  • esaminare la conformità dell’onere imposto ai vettori interessati di offrire servizi di collegamento su due gruppi di rotte (ciascun gruppo formato da due rotte);
  • verificare la legittimità della ripartizione delle rotte tra 3 operatori, vale a dire AIR ONE, ALITALIA e MERIDIANA.

Inoltre, valuterà anche la proporzionalità dell’obbligo di applicare tariffe ridotte ai passeggeri nati in Sardegna anche se non residenti sull’isola. La decisione finale della Commissione – qualunque ne sia l’esito – sarà direttamente applicabile in Italia.

Di seguito riportiamo i collegamenti aerei oggetto del procedimento d’indagine:

  • Alghero-Roma e Roma-Alghero
  • Alghero-Milano e Milano-Alghero
  • Cagliari-Roma e Roma-Cagliari
  • Cagliari-Milano e Milano-Cagliari
  • Olbia-Roma e Roma-Olbia
  • Olbia-Milano e Milano-Olbia.
  • Alghero-Bologna e Bologna-Alghero
  • Alghero-Torino e Torino-Alghero
  • Cagliari-Bologna e Bologna-Cagliari
  • Cagliari-Torino e Torino-Cagliari
  • Cagliari-Verona e Verona-Cagliari
  • Cagliari-Napoli e Napoli-Cagliari
  • Cagliari-Palermo e Palermo-Cagliari
  • Olbia-Verona e Verona-Olbia
  • Cagliari-Firenze e Firenze-Cagliari
  • Olbia-Bologna e Bologna-Olbia

Comments are closed.