TRASPORTO AEREO. Enac incontra AirOne: al vaglio le sanzioni

Si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri la riunione convocata d’urgenza dall’ENAC con i vertici aziendali della compagnia aerea AirOne per una analisi delle cause dei numerosi disservizi che si sono verificati durante il week end nonché delle azioni correttive messe in atto per contenere i disagi a centinaia di passeggeri coinvolti in cancellazioni di voli e ritardi di varia entità su alcuni aeroporti nazionali. L’ENAC ha chiesto ad AirOne di presentare al più presto una ricostruzione puntuale delle cause dei disagi e dei punti di criticità emersi.

Inoltre, l’Ente attiverà, entro breve tempo, una serie di azioni che prevedono tra l’altro l’attivazione delle procedure di sanzione in merito a cancellazioni, ritardi e mancanza di informazioni ai passeggeri essendo l’ENAC, l’organismo responsabile a comminare le sanzioni alle compagnie che non rispettano il Regolamento comunitario in materia di diritti dei passeggeri aerei. Le sanzioni pecuniarie sono stabilite dal Decreto Legislativo n. 69 del 27 gennaio 2006 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2006) e prevedono un limite minimo ed un limite massimo compreso, a seconda della violazione commessa, tra i 1.000 ed i 50.000 Euro, a seconda della gravità delle violazioni, alla luce delle azioni poste in essere dal vettore per eliminare o ridurre le conseguenze delle violazioni stesse ed in rapporto al numero di passeggeri coinvolti.

 

 

Comments are closed.