TRASPORTO AEREO. Nube vulcanica, accordo Fiavet e Federconsumatori Lazio per soluzioni condivise

L’eruzione del vulcano islandese ha paralizzato i cieli europei per giorni. Per fare fronte ai diritti dei passeggeri, e trovare soluzioni condivise insieme alle imprese di viaggio e turismo, Fiavet Lazio e Federconsumatori Lazio hanno siglato un Protocollo d’Intesa: l’accordo porterà ad elaborare un decalogo per il consumatore, un osservatorio permanente, iniziative che aumentino la trasparenza nel rapporto di servizio fra imprese turistiche e utenti. L’annuncio è stato dato nei giorni scorsi da una nota congiunta.

"Il danno economico che ha investito la filiera turistica solo nella Regione Lazio ammonta a oltre 10 milioni di euro, stima che potrebbe raddoppiare nei prossimi giorni – ha detto Andrea Costanzo, Presidente della Fiavet Lazio – E’ il periodo dei viaggi di istruzione, di organizzazione di eventi e congressi. Adesso si pone il problema del modus operandi e della clientela che rientra in Italia. Di fatto ci siamo trovati davanti a due situazioni: la prima con il cliente che dopo aver regolarmente acquistato il viaggio non è potuto partire, la seconda con il cliente all’estero che non è riuscito a rientrare per la chiusura degli spazi aerei. È ovvio che ci troviamo in una situazione di straordinarietà in cui nessuno ha il dovere e l’obbligo, nella filiera turistica, di sostenere i costi aggiuntivi affrontati dal cliente. Il nostro dovere e obbligo è semmai di tutelarlo e affiancarlo in questa difficile situazione. È per questo che abbiamo siglato un Protocollo d’Intesa con Federconsumatori Lazio: saremo insieme per esaminare e trovare soluzioni che diano una risposta il più possibile immediata e corretta al consumatore".

Per Claudio Paielli, Presidente di Federconsumatori Lazio, "fare una alleanza di questo tipo significa ridurre al minimo i danni per tutti. Le Imprese turistiche in questo momento sono, alla pari del consumatore, delle vittime. A livello nazionale abbiamo proposto un fondo europeo di sostegno degli utenti e degli Operatori che inconsapevolmente subiscono danni precisi, un fondo che possa dare risposte immediate perché il viaggiatore cerca il ristoro del danno subito".

Comments are closed.