TRASPORTO AEREO. Tasse più trasparenti e maggiore concorrenza per gli aeroporti Ue

Da oggi gli aeroporti europei non potranno più abusare di una posizione dominante sul mercato; le tasse aeroportuali si baseranno su criteri trasparenti e obiettivi. Il Parlamento Ue ha, infatti, adottato oggi in seconda lettura un rapporto che fissa i principi comuni per gli aeroporti dell’Ue, creando uguali condizioni di concorrenza per gli attori economici e salvaguardando gli interessi dei consumatori.

Gli eurodeputati hanno chiesto che queste regole non vengano applicate agli aeroporti di piccola taglia, cioè con meno di un milione di passeggeri all’anno; per questi le nuove norme di tradurrebbero in un eccesso di burocrazia e di amministrazione senza grandi effetti positivi per la concorrenza. La direttiva si applicherà, invece, all’aeroporto più importante di ogni Paese, a prescindere dal numero dei viaggiatori. I Ministri dei Trasporti hanno accettato la proposta di concedere permessi speciali per nuovi collegamenti con regioni sfavorite o periferiche. Parlamento e Consiglio propongono la supervisione da parte di un organo nazionale e indipendente invece che da parte di semplici organi regionali.

Comments are closed.