TRASPORTO AEREO. Ue, nuove regole per i liquidi da Paesi terzi

I liquidi acquistati nei duty free di Paesi terzi potranno essere introdotti anche negli aeroporti dell’Unione europea, ma solo se saranno osservati standard equivalenti di sicurezza. La Commissione ha approvato nuove regole, che entreranno in vigore a partire dal prossimo autunno e che risolveranno i problemi incontrati dai passeggeri aerei provenienti dai Paesi terzi, portando nel bagaglio a mano liquidi acquistati nei duty-free e che desiderano trasferirli in un secondo aeroporto di transito nell’Ue.

Fino ad oggi ogni quantità di liquido superiore al consentito, ossia a 100ml, deve essere abbandonata all’aeroporto d’ingresso nell’Ue perché impossibile dimostrare che il prodotto sia stato soggetto nello scalo di partenza agli standard di sicurezza previsti negli scali Ue. Il regolamento ora permetterà a Bruxelles di verificare se standard equivalenti a quelli usati nell’Ue sono applicati anche nel Paese terzo da cui i liquidi provengono e se gli standard complessivi della sicurezza aerea siano soddisfacenti.

Comments are closed.