TURISMO. Adiconsum realizza decalogo per servizi alberghieri fai da te

"Oggi sempre più consumatori "costruiscono" la propria vacanza comprando i singoli servizi (alberghieri, trasporti ecc.), sperando di risparmiare. Decidere però quale struttura scegliere per passare la vacanza ed essere sicuri di ricevere il servizio che ci si aspetta è un momento essenziale a cui si deve dedicare la giusta attenzione, anche sotto il profilo della tutela dei consumatori". Le offerte sono numerose e quindi la scelta della vacanza "fai da te" deve essere consapevole. È quanto si legge nel Decalogo di tutela dei consumatori sui servizi alberghieri realizzato da Adiconsum per coloro che si organizzano la vacanza da soli. L’associazione chiede una tutela forte dei turisti e un fondo per la tutela dei consumatori colpiti da vacanza rovinata.

Fra i consigli redatti, il primo è quello di "porre sempre molta attenzione – prima di effettuare l’acquisto – all’informativa sui servizi che vengono offerti, comunque essa siano messi a disposizione del pubblico, attraverso cataloghi o brochure, oppure attraverso apposito sito su internet. Sarà quindi molto utile scaricare il contratto, leggerlo interamente con attenzione e conservarne una copia cartacea anche in viaggio per essere preparati in caso insorgano eventuali problematiche".

"Sempre più in crescita – ha detto Pietro Giordano, segretario nazionale Adiconsum – è il numero dei consumatori che scelgono di acquistare direttamente i servizi alberghieri e di quelli che organizzano da soli la vacanza fai da te". Ma spesso arrivano reclami per problemi legati alle aspettative deluse o per truffe realizzate da siti internet che vendono prodotti inesistenti.

L’associazione, che realizzerà una serie di decaloghi disponibili online, chiede "un intervento urgente che assicuri diritti e soddisfazione anche per tutti i casi, sempre più numerosi, in cui i consumatori decidano di acquistare direttamente i servizi da chi li eroga. Le Agenzie di viaggio e i tour operator pagano, attraverso polizze assicurative, per il fondo di garanzia, che puntualmente risulta vuoto. Adiconsum chiede un Fondo Paritetico alimentato con 0,50 euro a carico degli operatori del turismo per ogni servizio turistico erogato". A questo si aggiunge la richiesta di un tavolo di confronto con il Ministero del Turismo che coinvolga i diversi operatori.

Comments are closed.