TURISMO. “Alla ricerca del piatto perduto”, iniziativa Fipe per la Giornata Mondiale del Turismo

Il 27 settembre è la Giornata Mondiale del Turismo, proclamata dall’Organizzazione Mondiale del Turismo nel 1979. Per l’occasione la Federazione italiana pubblici esercizi – Fipe ha ideato il progetto "Alla ricerca del piatto perduto": a partire da martedì prossimo, tutti i ristoranti che aderiscono all’iniziativa inseriranno nei loro menu il piatto tipico del loro territorio. La specialità della loro provincia diventerà così la bandiera gastronomica di quella zona, segno di distinzione nel mondo. Ovunque ci si troverà, in Italia o all’estero, ordinando quella specialità si saprà che si sta per mangiare alla maniera degli abitanti di una determinata area geografica.

L’iniziativa vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del turismo come risorsa strategica per il nostro paese da un punto di vista economico e sociale e dimostrare come la ristorazione italiana giochi un ruolo fondamentale per rendere ancora più attraente l’Italia come meta turistica. L’idea è stata accolta con entusiasmo da parte dei ristoratori tanto che il numero di chi ha aderito all’iniziativa ha quasi raggiunto le 700 unità ed altre adesioni stanno ancora arrivando.

"Partecipare a questo festeggiamento – afferma Lino Enrico Stoppani, presidente Fipe-Confcommercio – vuol dire diventare il protagonista principale della Giornata. Siamo contenti che al ministro Brambilla sia piaciuta la nostra idea che centinaia e centinaia di ristoratori da Trento al Agrigento celebrino la Giornata Mondiale del Turismo per il tramite della gastronomia. Noi crediamo che la ristorazione permetta ai popoli di conoscersi e di capire il loro passato, il loro presente e anche il loro futuro. Non a caso la tavola tipica rappresenta il secondo motivo di scelta dell’Italia come meta turistica da parte degli stranieri e rappresenta addirittura il primo motivo per chi sceglie di tornarvi".

 

Comments are closed.