TURISMO. Balneari: a giugno niente pienone sulle spiagge, flessione dal 3% al 15%

Niente pienone a giugno sulle spiagge, fatta eccezione per i fine settimana. Negli altri giorni si registra un calo di presenze che varia dal 3% al 15%, e un contemporaneo calo di consumo, negli stabilimenti balneari. È quanto ha reso noto il Sindacato Italiano Balneari (Sib) secondo il quale si sono salvate solo le località a ridosso dei grandi centri urbani, mentre solo nei week end si è spesso registrato il tutto esaurito.

"Speriamo che nei mesi di luglio ed agosto si possa concretizzare un buon recupero – ha detto Riccardo Borgo, presidente del Sib – proprio in considerazione del fatto che il mare rimane la meta più scelta dai vacanzieri con oltre l’80% delle preferenze. È necessario e indispensabile un confronto con l’Unione Europea al fine di individuare gli strumenti e il percorso atto a salvaguardare un settore unico in Europa e peculiare della cultura italiana dell’accoglienza, così da determinarne l’uscita, o la deroga, dalla normativa europea; per giungere, infine, alla ridefinizione normativa dell’intero settore attraverso una legge organica del Parlamento da concordare con le Regioni e le organizzazioni del settore".

Comments are closed.