TURISMO. Boom di contatti per il servizio a tutela dei turisti attivato da Confconsumatori Brindisi

E’ boom di contatti per il servizio "Salvagente del Turista", attivato dalla Confconsumatori – Federazione Provinciale di Brindisi. Numerose, infatti, le segnalazioni di disservizi giunte all’Associazione, la maggior parte di esse riguardanti i trasporti. Dallo smarrimento dei bagagli, alla cancellazione dei voli e i ritardi aerei: sono le lamentele più frequenti alle quali si aggiungono i casi di vacanza rovinata.

"Sono già pervenute alla nostra associazione richieste di assistenza da parte di consumatori che hanno trascorso la settimana di ferie in strutture completamente diverse rispetto a quelle illustrate dal tour operator o dall’agenzia di viaggi al momento dell’acquisto del pacchetto viaggi tutto compreso. Situazioni, queste ultime, che negli anni scorsi, sono spesso sfociate in un contenzioso giudiziario che ha dato ragione al consumatore, al quale è stato riconosciuto non solo il risarcimento del danno patrimoniale patito ma anche del c.d. danno da vacanza rovinata, vale a dire quello di natura non economica derivante dal disagio e dallo stress provocato dall’incresciosa situazione nella quale la persona si è venuta, suo malgrado, a trovare", afferma l’avv. Emilio Graziuso, Presidente della Confocnsumatori – Federazione Provinciale di Brindisi.

La Confconsumatori consiglia, quindi, a tutti coloro che acquistano un pacchetto viaggi tutto compreso:
a)di farsi consegnare e conservare scrupolosamente copia del contratto e dell’opuscolo informativo contenente la descrizione dettagliata della struttura e dei servizi ad essa connessi;
b)se la struttura dovesse essere difforme da come descritta, di fotografare e filmare i luoghi al fine di poter utilizzare tale materiale come prova per la richiesta di risarcimento del danno;
c)qualora dovessero esservi dei disservizi della struttura, di raccogliere i dati di altri turisti presenti al fine di poterli utilizzare come testimoni;
d)già nel luogo di villeggiatura, di contattare immediatamente l’agenzia di viaggi ed il tour operator e/o denunziare l’accaduto preferibilmente con raccomandata con ricevuta di ritorno o a mezzo fax;
e)non appena terminata la vacanza, di diffidare formalmente il tour operator e/o l’agenzia di viaggi al risarcimento del danno economico e da vacanza rovinata patito.

Comments are closed.