TURISMO. Coldiretti: la novità per l’estate 2011 sono i campi scuola in campagna

Otto bambini su dieci hanno visto gli animali dal vivo soltanto nei circhi o negli zoo delle città, ma non sono mai entrati in una stalla per vedere di persona come si ottiene il latte che bevono ogni giorno a colazione. E’ quanto emerge da una indagine on line della Coldiretti divulgata in occasione della presentazione del primo censimento delle fattorie didattiche italiane realizzata grazie all’accordo della Coldiretti con il Ministero della Pubblica Istruzione e dell’Università (Miur).

Si tratta di una guida di riferimento per le gite nelle aziende agricole, ma anche per i campi scuola in campagna o per le vacanze verdi per i più piccoli durante la prossima estate che rappresentano una vera novità del 2011. Nell’occasione è stata aperta dalla Coldiretti nel centro di Roma una vera e propria fattoria con l’orto da coltivare, il miele da raccogliere e il formaggio da preparare a partire dal latte ottenuto da una vera e propria "gara" di mungitura con mucche, capre e pecore che ha coinvolto intere classi di bambini con maestre e mamme al seguito. L’iniziativa vuole festeggiare la giornata mondiale del latte promossa dalla Fao che si celebra domani 1° giugno in tutto il mondo; l’obiettivo è quello di fare conoscere le attività che si svolgono nelle 1.189 fattorie didattiche italiane, riconosciute dalle diverse Regioni, che sono ancora sconosciute alle giovani generazioni.

Secondo un’indagine Ipr marketing per Coldiretti/Univerde, infatti, solo il 16% degli italiani conosce le Fattorie didattiche ma ben il 93% è interessato a visitarle. Ricostruire un rapporto sano con l’alimentazione è un obiettivo importante per le scuole italiane dove ben il 34% dei piccoli cittadini italiani di 8 e 9 anni è lontano dal peso forma: oltre un milione è sovrappeso (22,1% del totale) e 400mila (11,1%) sono obesi, secondo il monitoraggio effettuato dal progetto "Okkio alla salute", realizzato dal Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell’Istituto Superiore di Sanità.

Comments are closed.