TURISMO. Comitato turismo, Corte Costituzionale ne dichiara l’illegittimità

La Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del Comitato nazionale del Turismo, l’organismo istituito nel maggio 2005 dal ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola, e destinato a diventare la cabina di regia per coordinare l’attività delle Regioni e dello Stato nella promozione del turismo. La sentenza della Corte ha accolto in questo modo il ricorso presentato da alcune Regioni (Toscana, Veneto, Campania, Abruzzo) contro l’art. 12 del decreto n. 35 del 2005, convertito nella legge 80 del 14 maggio 2005. Nella stessa sentenza la Corte ha respinto in quanto inammissibili o costituzionalmente non fondati i ricorsi promossi dalle stesse Regioni su altri aspetti del decreto. La Corte ha salvaguardato così il finanziamento di 20 milioni erogato all’Enti per il 2005 e ha ritenuto altresì legittimi i commi dell’art. 12 che trasformano l’Enit in Agenzia nazionale del turismo, con personalità giuridica di diritto pubblico, e ne disciplinano i canali di finanziamento.

Comments are closed.