TURISMO. Epifania, Cia: per gli agriturismi si conta sul “last minute”

Il "ponte della Befana" sarà un banco di prova importante per l’agriturismo nell’anno appena cominciato. Non ci sarà il tutto esaurito e sarà soprattutto il "last minute" a fare la differenza, ma si può parlare di una buona tenuta. "Pur non al "top", le prenotazioni, nonostante le difficoltà delle famiglie, lasciano trasparire ottimismo da parte degli operatori. La vacanza, anche in questa occasione, non sarà di quattro giorni, però ci si affida molto al "last minute" per una breve permanenza (due giorni) che sembra ormai divenuto, in questi ultimi anni, il "leit motiv" per l’agriturismo italiano": è quanto rileva Turismo Verde, l’associazione agrituristica della Cia-Confederazione italiana agricoltori, in vista del prossimo ponte dell’Epifania.

Chi partirà si recherà soprattutto nelle località vicine alle aree sciistiche o alle città d’arte. Dunque "le mete più gettonate, anche per la vicinanza alle stazioni sciistiche, sono ancora – segnala Turismo Verde-Cia – quelle del Trentino, del Veneto, dell’Abruzzo, del Piemonte, della Lombardia. Affluenza si annuncia anche nelle aziende che si trovano vicine delle città d’arte. Toscana, Umbria, Lazio, Puglia, Sicilia e Marche in testa. Ma anche le altre regioni tengono bene, ognuna con la sua peculiarità di offerta".

Comments are closed.