TURISMO. Estate 2006, ecco dove non sono andati in vacanza gli italiani. Indagine Frigerio Viaggi

Un’indagine dell‘Osservatorio Frigerio Viaggi Network ha rilevato quali sono state le mete più amate e quelle più odiate nell’estate 2006. In primis, tra quelle meno scelte, il Mar Rosso: i noti avvenimenti hanno fortemente raffreddato, infatti, l’entusiasmo della clientela per destinazioni che per anni hanno dominato l’estate. I Paesi arabi e musulmani, a prescindere dalla loro collocazione, hanno subito cali, con la sola eccezione della Tunisia, considerata una meta tranquilla e con un buon rapporto qualità/prezzo. Ma anche le offerte hard-discount su Sharm non hanno fatto breccia…

Inoltre, una fascia di clientela "pigra" e poco avventurosa non accetta di buon grado proposte fuori dai comuni circuiti turistici: Equador e Galapagos, Cile, Indonesia, Birmania, Mali, tour del Giappone o del Cile… Destinazioni affascinanti e ricche di fascino, che vengono scartate a priori perché considerate "difficili" o scomode. Anche l’Africa dei grandi parchi, che tanto successo ha avuto in passato, è vissuta con qualche riserva da coloro che non amano vaccini e profilassi.

L’indagine ha rilevato che l’italiano medio ama il mare, l’abbronzatura e fare un po’ di sport. Quindi, i Paesi del Nord Europa non fanno al caso suo: troppe nuvole, troppo freddo, troppi chilometri. Ancora pochi i coraggiosi che, alla spiaggia caraibica o alla vita notturna "ibizenca", preferiscono il sole di mezzanotte in Norvegia o un romantico tramonto nelle Highland scozzesi.

Anche i paesi dell’Est europeo, a parte la Repubblica Ceca, non entrano nell’immaginario
collettivo vacanziero degli italiani…Polonia? Romania? Slovacchia? Lettonia? Non c’e’ il mare, non si parla italiano, non si sa cosa si mangia. E poi Sofia e Riga saranno anche delle belle città, ma rievocano ancora memorie di Guerra Fredda e spie…

Ecco dove va (o andrebbe…) chi vende vacanze agli altri: i più avventurosi sceglierebbero un fly
& drive in Nuova Zelanda o un tour in Cina e Birmania, la scoperta del Rajastan o della Papua Nuova Guinea, l’Islanda in jeep o l’America del Sud seguendo la Carretera Austral. Chi cerca il relax, invece, non si accontenta della Sardegna o del Mediterraneo, ma aspira alle spiagge brasiliane o alla esotica Mauritius, passando da Fiji, Dubai e Maldive…E per gli intenditori due vere perle: Turk & Caicos nei Carabi e Polinesia.

Comments are closed.