TURISMO. Federconsumatori e MC: serve un piano di sviluppo, coinvolgere i Consumatori

Turismo: il quadro di riferimento del 2009 parla di un calo del 7% di italiani e stranieri, del fallimento di compagnie aeree e turistiche, di un anno nero per i viaggiatori che spesso sono rimasti appiedati negli aeroporti, di diecimila cittadini assistiti su disservizi in ambito turistico. Sono i dati di Federconsumatori e Movimento Consumatori, che chiedono di elaborare un piano di sviluppo strategico per il turismo e di offrire maggiori tutele per il turista.

"Se la nomina del Ministro per il Turismo è stato un segnale di maggiore visibilità istituzionale del settore, ora alle parole devono seguire i fatti – affermano le due associazioni – Occorre maggiore coordinamento fra attività di Governo e delle Regioni nella promozione e qualificazione dell’offerta, bisogna realizzare investimenti nelle infrastrutture ed adeguati collegamenti interni ed internazionali; il rapporto qualità e prezzo, ambiente e ospitalità sono le voci che maggiormente penalizzano la percezione dell’Italia come destinazione turistica, o meglio come marchio, a livello globale".

Secondo le associazioni, alcune misure annunciate dal Ministero sono difficili da praticare, come la polizia turistica municipale e le sale da gioco negli alberghi di lusso. "Sul fronte della tutela del turista al Ministro chiediamo di aprire un confronto con le Associazioni dei Consumatori presenti nel CNCU, dal momento che da anni avanziamo proposte concrete e sicuramente più fattibili".

A fronte dei disservizi che si sono verificati nel sistema aeroportuale, le associazioni chiedono di rafforzare i poteri dell’Enac in termini sanzionatori e di controllo, e ritengono indispensabile l’istituzione di un’apposita Authority. "Infine, sottolineiamo l’importanza di promuovere lo sviluppo delle relazioni tra Associazioni dei Consumatori e organizzazioni di rappresentanza degli operatori turistici, al fine di promuovere campagne informative sui diritti e doveri del turista, assieme a protocolli di conciliazione extragiudiziale sulla gestione delle controversie".

Comments are closed.